La Cina continua l’ampliamento infrastrutturale nelle province occidentali

La Cina continua l’ampliamento infrastrutturale nelle province occidentali
© sinuswelle - Fotolia.com

La Cina ha approvato il 12° piano quinquennale per lo sviluppo economico delle province occidentali con strutture deboli. La priorità sarà data all’ampliamento dell’infrastruttura e all’allestimento di undici zone economiche.

Il primo progetto prevede la realizzazione della Chengdu-Chongqing Economic Zone su una superficie di 200’000 km2, che comprenderà 31 distretti della provincia Chongqing e 15 città del Sichuan e diventerà entro il 2020 una delle principali regioni economiche della Cina.

L’ampliamento infrastrutturale nei prossimi cinque anni si concentrerà sull’ulteriore ottimizzazione dei collegamenti per il trasporto delle ricche materie prime estratte nell’occidente verso le province costiere orientali. A titolo d’esempio: la rete ferroviaria sarà estesa di 15’000 chilometri nelle province Mongolia Interna, Xinjiang e Qinghai. Inoltre, continuerà la costruzione di nuove strade e aeroporti regionali.

Sarà altresì estesa la rete di pipeline per il petrolio e per il gas. Infine, la lavorazione industriale delle materie prime e delle risorse minerarie dovrà essere effettuata prevalentemente nelle province occidentali stesse grazie al progressivo ampliamento delle capacità in loco.

Public Pictures

Autor

Content Manager
+41 44 365 53 22

Ulteriori informazioni sul tema