Competenza

“Non è possibile coprire i rischi politici”

Andreas Gerber, responsabile PMI presso Credit Suisse in Svizzera, sulle sfide dell’export e del finanziamento delle esportazioni nei mercati maturi quali Europa, Americhe e Asia e come le PMI possono crescere ulteriormente nonostante l’elevata concorrenza e maggiore insicurezza.

 

Lange Erfahrung bei der Unterstützung von KMU: Andreas Gerber, Leiter KMU-GeschäUna lunga esperienza nel supporto alle PMI: Andreas Gerber, responsabile Affari PMI di Credit Suisse Svizzera
Una lunga esperienza nel supporto alle PMI: Andreas Gerber, responsabile Affari PMI di Credit Suisse Svizzera

Il periodo più lungo, dei quasi 30 anni, di attività di Andreas Gerber presso Credit Suisse è stato dedicato ai clienti aziendali e soprattutto alle PMI. Oggi è responsabile Affari PMI della grande banca per tutta la Svizzera. A colloquio con lui parla della sua vasta esperienza nelle soluzioni di successo con PMI svizzere per l’esportazione e il finanziamento delle esportazioni nei mercati maturi.

Nonostante la concorrenza elevata la crescita nei mercati maturi è possibile

“In Europa domina per sé un ambiente competitivo sebbene ciò possa variare naturalmente da settore a settore”, afferma Gerber.

In base alla mia esperienza, gli USA sono essenzialmente ancora più competitivi. Si affrontano altre difficoltà e in definitiva, per molti clienti USA delle PMI svizzere, non contano solo le esigenze qualitative. Un partner commerciale negli USA afferma piuttosto che le condizioni di spedizione, la precisione o il lungo termine delle relazioni sono meno importanti di un prezzo inferiore.

Al contempo, Gerber riscontra una maggiore intensità della concorrenza nei mercati emergenti asiatici in particolare in Cina. “Gli offerenti locali sviluppano sempre più know-how e a seconda del settore, in qualità di grandi aziende, sono in grado di lavorare altrettanto bene con un subfornitore cinese o europeo, questo aspetto oggi non va trascurato.” In generale, la Cina sta diventando lentamente un mercato maturo con un’elevata domanda interna, ad esempio, in Regioni quali Pearl River Delta, “dal punto di vista tecnologico qui, in parte, lo sviluppo è essenzialmente più avanzato che in Europa”. Per quanto riguarda la semplicità e l’affidabilità nel fare affari, la Cina presenta però ancora numerose caratteristiche tipiche di un mercato emergente.

Nonostante l’intensa concorrenza, la crescita nei mercati maturi continua a essere possibile, ne è convinto Andreas Gerber.

Noi tutti siamo consapevoli che nella tendenza a lungo termine, il mercato asiatico cresca molto rapidamente. Ma giungere alla conclusione di non investire più in mercati maturi, a mio avviso, sarebbe un errore.


La vicinanza culturale, le relazioni commerciali instaurate e la fiducia non andrebbero sottovalutate.

Secondo la valutazione di Gerber, gli esportatori in questo ambiente crescono soprattutto mediante innovazioni e nuovi prodotti. Oltre a ciò, “non tutti i gruppi aziendali di macchinari o le aziende farmaceutiche nei mercati maturi prendono in considerazione subfornitori svizzeri”, vi è dunque ancora un grande potenziale nell’accedere a nuovi gruppi di clienti.

“I limiti sono piuttosto nella dinamica generale della crescita nei mercati maturi”

Ciò significa permettere la crescita nella congiuntura, nello sviluppo di tecnologie e nelle strutture fondamentali di un mercato, spiega Gerber.

Per realizzare le loro opportunità, consiglia alle imprese di non sottovalutare le differenze tra la Svizzera e i mercati maturi. Ogni Paese dell’UE, compreso tra il Portogallo e la Polonia, porta con sé altre condizioni normative e culturali, senza contare il Giappone e gli USA dalla cultura particolarmente orientata al mercato interno. Gerber:

Conosco solo pochissime imprese che si sono affacciate agli USA e, all’inizio, se la sono cavata senza problemi, sia a causa di questioni legali sulla responsabilità dei prodotti, della concorrenza locale o a causa di differenze culturali che spesso sono state erroneamente valutate.

Le PMI devono assicurarsi contro le oscillazioni valutarie

Per non correre alcun rischio finanziario, Andreas Gerber consiglia a tutte le PMI e soprattutto a quelle con un’esperienza d’esportazione ancora minore, di assicurarsi coerentemente contro oscillazioni valutarie, naturalmente un “hedge” comporta in parte alcune perdite sui margini, tuttavia le oscillazioni estreme degli scorsi anni hanno mostrato che tali protezioni sono veramente essenziali. Per lui, la costellazione delle valute rappresenta chiaramente la principale sfida del finanziamento delle esportazioni nei mercati maturi.

Le aziende devono, inoltre, riflettere su come dare fiducia completa ai loro partner commerciali e fino a che punto vogliono stipulare garanzie per il loro fatturato commerciale. È inoltre importante identificare anche i giusti partner in loco per le questioni bancarie, affinché le operazioni di pagamento vengano svolte senza problemi.

Crescita positiva per il 2019 – nonostante l’imprevedibilità del contesto politico

Diversamente dai rischi valutari, non è stato tuttavia possibile coprire i rischi politici, sottolinea Gerber e non è stato neppure possibile pianificarli. Il contesto normativo sempre più imprevedibile e quello politico in cui è integrato il commercio internazionale lo preoccupano e ritiene che questa tendenza si confermerà anche nei prossimi anni.

Nonostante ciò, prevedo una crescita positiva per la nostra industria delle esportazioni per il 2019, le nostre imprese beneficiano di una buona pipeline e sono ben predisposte”, afferma Gerber. “Per le PMI, l’internazionalizzazione continua a rappresentare una grande opportunità e non un rischio.”

Credit Suisse in Svizzera

In Svizzera Credit Suisse offre i propri servizi a clienti privati, aziendali e istituzionali. In qualità di banca leader per gli imprenditori, Credit Suisse assiste circa 100 000 PMI e numerose grandi aziende in Svizzera. L'offerta copre tutti gli ambiti rilevanti per il ciclo di vita di un'impresa – dalla fondazione e dall'assegnazione di capitale di rischio, a finanziamenti, consulenza in materia di M&A e IPO, fino alla pianificazione della successione. Credit Suisse fornisce anche servizi di pianificazione patrimoniale privata per gli imprenditori, per i quali dispone di un team di consulenti dedicati. Ulteriori informazioni: www.credit-suisse.com/imprenditore.

 

Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale