Export Knowhow

Quale Paese è adatto per l’avvio di un’attività di export?

È evidente: non esiste un “mercato semplice”, né in patria, né all’estero. Nella maggior parte dei settori la concorrenza è serrata e l’offerta di prodotti è molto ampia anche nei mercati esteri. Ciò contrasta con i paesi emergenti, dove l’offerta è sicuramente inferiore ma è anche collegata a una disponibilità finanziaria di clienti e acquirenti tendenzialmente ridotta, ed è quindi altrettanto impegnativa. Data la diversità dei mercati, come si decide in merito a quello giusto?

Aeroporto con aerei di diverse compagnie

Per chi accede all’internazionalizzazione vale la pena unire le forze e aprire un mercato dopo l’altro. Costruirsi una posizione duratura in uno o due mercati con impegno, concentrazione e tenacia garantiscono probabilità di successo maggiori che tentare di gestire contemporaneamente più mercati. Fa in parte eccezione l’e-commerce, anche se nella vendita multinazionale intraeuropea tramite piattaforme online si conferma importante nei singoli casi considerare le normative locali e gli obblighi fiscali.

Avvio delle esportazioni nei Paesi vicini dal punto di vista geografico, linguistico e culturale

Come è facile intuire, l’Europa occidentale rappresenta la destinazione principale dell’export svizzero. L’espansione all’estero avviene prima di tutto e prevalentemente nei Paesi limitrofi; solitamente solo in un secondo momento si inizia a sondare il territorio e la cultura di regioni più remote come il Nordamerica, l’Europa dell’Est, l’Asia, l’America latina.

Il principale mercato di esportazione della Svizzera è e resta la Germania, dove, secondo un sondaggio di S-GE, circa l’80% delle aziende vi esporta merci o servizi. Nel 62% dei casi segue la Francia. Nella classifica troviamo poi l’Italia e gli USA (54%) e l’Austria (53%). Il prossimo semestre, il 47% delle PMI svizzere esporterà nei Paesi Bassi e il 43% in Cina e nel Regno Unito. Seguono la Spagna (42%) e la Scandinavia (41%).

I contatti con i partner commerciali e i clienti finali sono decisivi

Non di rado, anche i contatti che nascono casualmente con partner commerciali o clienti finali in un Paese specifico garantiscono una certa probabilità di successo e hanno la possibilità di influire sul mercato. Reti e partner commerciali di qualità sono, senza dubbio, la chiave del successo. Anche un principio di questo tipo, orientato alle opportunità, può funzionare, a condizione che non si perda di vista una valutazione ordinaria del mercato, dei partner commerciali e dei clienti.

Prime raccomandazioni pratiche

  • Iniziate con mercati vicini dal punto di vista geografico, linguistico e culturale, raggiungibili con viaggi brevi; trattasi soprattutto di Paesi limitrofi come Italia, Germania, Austria, Francia, ma magari anche Spagna, Paesi Bassi, Belgio o Regno Unito.
  • Un Paese dopo l’altro: incominciate con un Paese e, prima di passare al successivo, concentratevi su di esso finché le attività commerciali non si sono consolidate.
  • Confrontatevi con altre aziende già attive nel Paese target in questione: le esperienze e le valutazioni di altri possono eventualmente favorire la vostra curva di apprendimento.

Paese che vai usanza che trovi: i meccanismi variano da mercato a mercato. Leggete il prossimo articolo per scoprire a cosa prestare particolare attenzione quando si tratta dei meccanismi di mercati esteri.

Desiderate maggiori informazioni sul tema dell’accesso all’internazionalizzazione? Il nostro manuale “L’export in breve - Accesso all’internazionalizzazione” vi fornisce una solida introduzione alle domande che dovreste porvi in materia di internazionalizzazione come potervi rispondere

Scaricate il manuale “L’export in breve”

Link

Di più
Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale