Global Opportunities

La Cina ricerca soluzioni svizzere per il settore dell’assistenza alle persone anziane

Il mercato cinese dell’assistenza a persone anziane avrà una rapida espansione; si stima infatti che nel 2050 il numero di cittadini senior ammonterà a circa un terzo della popolazione totale, mentre nel 2015 era pari a solo il 16%. Inoltre, tale mercato dovrà fare i conti con strutture per la cura degli anziani che ricevono scarsi finanziamenti statali. Tuttavia, l’intero settore è ancora agli inizi e manca di esperienza, conoscenze e infrastrutture. Anche se il governo cinese sta incoraggiando e supportando il settore privato, compresi gli investitori esteri, le PMI svizzere dovrebbero considerare che in questo mercato immaturo le opportunità commerciali sono sempre accompagnate da sfide.

Opportunità nel settore cinese dell’assistenza: nel 2045 in Cina ci saranno oltre 500 milioni di anziani
Opportunità nel settore cinese dell’assistenza: nel 2045 in Cina ci saranno oltre 500 milioni di anziani

Panoramica del mercato dell’assistenza alle persone anziane in Cina

In quanto Paese più popolato al mondo, la spesa totale per le cure sanitarie in Cina nel 2016 si è attestata a oltre 4,200 miliardi di renminbi (circa 630 miliardi di franchi svizzeri), con una crescita quadruplicata dal 2008 al 2016. Nel settore delle cure sanitarie, l’assistenza agli anziani registra, insieme alle urgenze, una crescita della domanda.

  • Nel 2016 in Cina i cittadini senior (oltre i 65 anni) erano più di 150 milioni, cifra destinata a superare i 500 milioni, o pari al 43% dell’intera popolazione cinese nel 2045. Dato che gli anziani sono destinati a rappresentare una quota sempre maggiore della popolazione totale cinese, il governo sta aumentando la sua spesa e il suo supporto al settore dell’assistenza agli anziani.
  • Per tradizione, i meno giovani in Cina preferiscono essere assistiti dalla propria famiglia, piuttosto che ricorrere a centri di assistenza. Tuttavia, questo modello, che pone al centro la famiglia, non è più dominante e diventa sempre meno fattibile per le aree urbane della Cina. L’atteggiamento cinese verso i servizi per gli anziani sta cambiando ed è sempre maggiore il numero delle persone che desidera trasferirsi in centri di assistenza, tanto più che l’aumento del reddito disponibile della popolazione cinese rende questa soluzione più accessibile.
  • Tuttavia, in generale, il settore cinese dell’assistenza agli anziani è ancora nella sua fase iniziale e manca di conoscenze e infrastruttura, come pure di risorse umane, di esperienze e infrastruttura IT per l’assistenza a domicilio. I servizi di assistenza agli anziani finanziati dal governo non sono in grado di far fronte a questo aumento e la loro capacità attuale copre solo il 2% del totale della popolazione senior. Il mercato cinese dell’assistenza agli anziani presenta quindi una notevole lacuna e offre pertanto opportunità per il settore privato.

Opportunità per le PMI svizzere

Il governo cinese sta esortando il settore privato a investire in questo mercato. Per le aziende estere il governo cinese incoraggia gli investimenti esteri nel settore dell’assistenza agli anziani. Possibili opportunità per le PMI svizzere sono:

  • servizio di formazione professionale nell’assistenza agli anziani. Attualmente il personale addetto all’assistenza conta circa 220’000 operatori, ma solo il 9% è abilitato e qualificato. Il totale degli assistenti qualificati è ben lungi dall’essere sufficiente per soddisfare le esigenze dell’intero settore. Dato che le professioni nell’ambito dell’assistenza agli anziani in Cina non sono considerate decorose, sono poche le università e le scuole professionali che supportano simili programmi di formazione. Ora però la situazione sta cambiando dato che il governo cinese nelle università e nelle scuole superiori ha istituito un corso di studi per “gestione e servizi di assistenza agli anziani” e sempre più università/scuole professionali/aziende private sono alla ricerca di partner oltreoceano per fornire servizi di formazione agli assistenti e quindi colmare la carenza di queste figure professionali.
  • Fornitori di servizi per l’assistenza a domicilio. Nel segno del rispetto per gli anziani imposto da Confucio, una parte della società cinese fa affidamento sulle singole famiglie e preferisce che queste si prendano cura degli anziani. Se le PMI svizzere saranno in grado di fornire soluzioni per l’assistenza domiciliare o per i servizi nelle comunità, queste molto probabilmente saranno ben accolte dalle famiglie cinesi.
  • IT per la salute. In generale questo è un settore relativamente nuovo, ma in costante espansione nel mercato cinese delle cure sanitarie. I servizi di telemedicina e di diagnosi online verranno utilizzati con maggior frequenza sia nei centri di assistenza agli anziani sia nelle case in cui sono necessari servizi di assistenza. Le PMI svizzere possono concentrarsi sulla fornitura di applicazioni software o di tecnologie che soddisfino gli utenti senior dei servizi di assistenza agli anziani.
  • Investimento estero diretto. Il governo cinese incoraggia gli investitori esteri a creare residenze, aree residenziali e istituti di assistenza agli anziani. Il governo ha inoltre semplificato la procedura di insediamento, ha offerto una tassazione agevolata e delle politiche a favore degli investitori esteri.

Sfide

Anche se il settore dei servizi di assistenza agli anziani in Cina si presenta come un mercato emergente, gli ostacoli e i rischi non mancano. Le PMI svizzere dovrebbero essere ben consapevoli delle principali sfide con cui potrebbero confrontarsi in questo mercato.

  • Quadro normativo complesso e incoerente. Il governo cinese da un lato offre diversi incentivi per attrarre gli investimenti esteri nell’assistenza agli anziani, mentre dall’altro resta vago in merito a come sia possibile beneficiare di tali incentivi. Inoltre, le norme delle diverse agenzie statali e degli organi amministrativi sono incoerenti.
  • Indentificare partner locali qualificati. Per le PMI svizzere è vivamente consigliato, se non addirittura necessario, collaborare con un partner locale per accedere al mercato cinese dell’assistenza agli anziani, tuttavia trovare un partner cinese idoneo e qualificato non è così semplice. Il mercato è frammentato e le aziende attive nel settore tendono solo ad avere la capacità di contattare gli utenti finali e di mantenere forti rapporti con il governo solo nelle loro regioni target. Le PMI svizzere potrebbero dover collaborare con più partner e gestirli se vogliono coprire più regioni geografiche della Cina.
  • Mancanza di risorse umane. Il settore dell’assistenza agli anziani in Cina è ancora agli albori e manca pertanto di risorse umane in termini di personale adibito alla gestione e di figure professionali operative nell’assistenza vera e propria.
  • Concorrenza locale e protezione del governo. Le aziende svizzere potrebbero dover affrontare una forte concorrenza delle aziende locali e, in alcune regioni, i governi locali preferiscono aziende locali cinesi.

Complessivamente l’identificazione di un business partner adatto è determinante e S-GE, insieme al suo partner di rete, lo Swiss Business Hub China, può aiutarvi a identificare il giusto interlocutore in Cina.

Se desiderate valutare in modo più approfondito le opportunità connesse al mercato dell’assistenza agli anziani in Cina, vi suggeriamo di contattare Monica Zurfluh, Head of S-GE Southern Switzerland. Saremo lieti di discutere con voi il migliore approccio per la vostra azienda per affrontare questo promettente mercato nascente. Contattarla subito

 

 

 

Documenti

Link

Condividete
How should we contact you?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale