Global Opportunities

Turkmenistan: Nuovi progetti nel settore dei trasporti e dell’energia

Il Turkmenistan ha sempre avuto e continua a svolgere un ruolo chiave nell’area della Grande Via della Seta. Due importanti eventi si sono svolti recentemente sulla riva turkmena del Mar Caspio, che permetteranno al Turkmenistan di essere un prezioso partecipante della Nuova Via della Seta e un’attraente meta di investimenti, commercio e affari per le aziende svizzere.

Una carovana di cammelli nel deserto

Il Turkmenistan e la Grande Via della Seta

Il 2 maggio 2018 si sono svolti due eventi significativi sulla riva turkmena del Mar Caspio:

In primo luogo, il Forum Internazionale “La Grande Via della Seta - verso la Nuova Frontiera dello Sviluppo” è stato aperto dal Presidente del Turkmenistan Gurbanguly Berdimuhamedov. In secondo luogo, il Forum è stato seguito nel pomeriggio dall’apertura ufficiale del porto marittimo internazionale di Turkmenbashi.

Il Turkmenistan ha sempre avuto e continua a svolgere un ruolo chiave nell’area della Grande Via della Seta. Dal punto di vista geografico, delle risorse energetiche, della logistica e dei trasporti, del commercio e anche politico, il Turkmenistan dovrebbe essere considerato seriamente nel contesto dell’iniziativa Belt and Road. Alcuni fatti sul Turkmenistan:

  • 4a più grande riserva di gas naturale del mondo, subito dopo Russia, Iran e Qatar;
  • grandi riserve petrolifere onshore e offshore;
  • sviluppo dinamico delle sue capacità di trattamento del gas e di raffinazione del petrolio;
  • sviluppo dinamico delle capacità di trasporto e di esportazione delle sue risorse energetiche, come il gas naturale e l’elettricità (gasdotto Asia centrale - Cina; gasdotto TAPI (Turkmenistan - Afghanistan - Afghanistan - Pakistan - India); nuova linea di trasmissione elettrica da 500 kilovolt parallelamente a TAPI; progetto elettrico TUTAP (Turkmenistan-Uzbekistan - Tagikistan-Afghanistan-Pakistan);
  • sviluppo delle infrastrutture di trasporto che collegano le regioni meridionali e orientali del Paese alla costa del Mar Caspio, consentendo così l’accesso al Mar Caspio ai paesi vicini Uzbekistan, Kirghizistan, Tagikistan e Afghanistan;

Tre importanti sviluppi della fine del 2017 e del 2018 permetteranno al Turkmenistan di essere un prezioso partecipante della Nuova Via della Seta e un’interessante destinazione d’investimento, commerciale e d’affari per le imprese europee e svizzere:

  1. l’apertura il 2 maggio, 2018 del porto marittimo internazionale di Turkmenbashi;
  2. nell’ottobre 2017 viene firmata la legge del Turkmenistan sulle zone di libero scambio;
  3. il 12 agosto, 2018 viene firmata la convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio, che apre la prospettiva per la costruzione del gasdotto trans caspico, da Turkmenbashi a Baku;
  4. Turkmenbashi International Sea Port

1.    Porto marittimo internazionale di Turkmenbashi

Il porto di Turkmenbashi sul Mar Caspio è stato istituito già nel 1896. Nell’agosto 2013 è iniziata la costruzione del nuovo e moderno porto marittimo internazionale di Turkmenbashi con un budget di 1,5 miliardi di dollari. Il nuovo porto si estende su una superficie di oltre 105 ettari ed è costituito da diverse unità:

  • cantiere di costruzione e riparazione navale;
  • terminal per traghetti e passeggeri;
  • terminal per container;
  • terminal per carichi generali;
  • terminal per carichi di grandi dimensioni;
  • terminal in polipropilene;

Secondo i funzionari del governo, il nuovo impianto portuale sarà in grado di servire 300’000 passeggeri, 75’000 camion, 4’000’000 tonnellate di carico generale, 3’000’000 tonnellate di merci di grandi dimensioni, 120’000 tonnellate di polipropilene e 400’000 container (TEU) all’anno.

Il nuovo porto è uno dei più grandi del Mar Caspio e dovrebbe essere un importante fattore di collegamento tra l’Europa, il Medio Oriente, la regione del Mar Nero, il Sud e il Sud-Est asiatico. Questo progetto sta inoltre sviluppando la cosiddetta “diplomazia dei trasporti del Turkmenistan”, che mira ad aumentare lo sviluppo degli scambi commerciali non solo del Turkmenistan, ma anche dei suoi vicini senza sbocco sul mare come Uzbekistan, Kirghizistan, Tagikistan e Afghanistan. Secondo il Ministero degli Affari Esteri del Turkmenistan, ciò dovrebbe garantire “la riuscita integrazione della regione nei legami internazionali e la creazione di un sistema di trasporto, di transito e comunicazione”.

2.    La legge del Turkmenistan sulle zone di libero scambio

Il 10 ottobre, 2017 è stata firmata dal presidente del Turkmenistan la legge sulle zone di libero scambio (Law on Free Economic Zones - FEZ). Questa legge è uno strumento dichiarato finalizzato all’attuazione di misure per modernizzare, diversificare e rafforzare il potenziale di esportazione dell’economia nazionale. Essa determina le basi giuridiche, organizzative ed economiche per la creazione, il funzionamento e la liquidazione delle zone di libero scambio del Turkmenistan.

Nel sistema delle relazioni economiche internazionali, la FEZ è uno tra i fattori chiave della rapida crescita economica, che si ottiene attraverso lo scambio di informazioni e tecnologie, l’approfondimento dei processi economici integrativi, la mobilitazione degli investimenti e l’aumento del commercio internazionale. Si prevede che la legge sulla FEZ dovrebbe creare un ambiente giuridico, fiscale e commerciale sicuro, trasparente e competitivo per attirare in Turkmenistan imprese e investitori stranieri.

Il successo dell’attuazione del concetto della creazione di FEZ in Turkmenistan permetterà di attirare capitali e tecnologie straniere, facilitare l’afflusso di valuta estera, creare nuove strutture di produzione di beni, saturando così il mercato interno dei consumatori e aumentando le esportazioni.

L’attuazione della legge sulla FEZ e l’apertura del moderno porto marittimo internazionale di Turkmenbashi può essere percepita come un segnale della creazione di un ambiente giuridico e commerciale adeguato da parte delle autorità turkmene ai partner internazionali e ai potenziali futuri investitori e partner commerciali stranieri. Questi sviluppi potrebbero essere particolarmente interessanti per le aziende svizzere di settori quali le attrezzature per il petrolio e il gas, la tecnologia e i servizi, i trasporti e la logistica, la trasformazione alimentare, il tessile, il settore farmaceutico, l’industria della plastica e altri ancora. Da un lato, la FEZ dovrebbe fornire soluzioni legali e produttive competitive, l’accesso alle materie prime e al mercato locale e, dall’altro, il porto marittimo internazionale di Turkmenbashi dovrebbe consentire l’accesso ai mercati esteri per l’esportazione di beni e servizi prodotti nel FEZ. In questo contesto, vale la pena di fare il parallelo con il porto di Baku e la zona di libero scambio di Alat.

3.    La Convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio e dell’oleodotto per il trasporto del gas Trans Caspio

Il 12 agosto 2018 i cinque paesi del litorale del Mar Caspio, Azerbaigian, Iran, Kazakistan, Russia e Turkmenistan hanno firmato la Convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio (di seguito “Convenzione”). Lo status giuridico del Mar Caspio è rimasto irrisolto dal crollo dell’Unione Sovietica e la firma della Convenzione è stata adottata dopo oltre 20 anni di controversie e negoziati. I partecipanti alla Convenzione hanno trovato una soluzione innovativa, qualificando il Mar Caspio né come mare, né come lago. Tra i diversi aspetti trattati dalla Convenzione, uno di essi attira in particolare la nostra attenzione nel contesto di questo articolo: il trattato sta eliminando la barriera legale per la costruzione di un gasdotto Trans Caspio dal Turkmenistan all’Azerbaigian.

Dalla fine degli anni ‘90, diversi progetti del gasdotto del Mar Caspio sono stati studiati dal Turkmenistan, dall’Azerbaigian, dal Kazakistan e dall’Unione Europea. A causa della mancanza di chiarezza sullo status giuridico del Caspio e dell’opposizione di Russia e Iran, tutti i progetti sono falliti. Ora, secondo la Convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio, solo il Turkmenistan e l’Azerbaigian devono accordarsi sullo sviluppo e la costruzione del gasdotto. In precedenza, tutti e cinque i paesi dovrebbero approvare la sua costruzione.

Il gasdotto Trans Caspio sarebbe un gasdotto di 300 km lungo il fondo del Mar Caspio dal Turkmenbashi al terminale di Sangachal in Azerbaigian. Questo gasdotto dovrebbe trasportare fino a 30 miliardi di metri cubi (bcm) di gas turkmeno all’anno, alimentando il corridoio meridionale del gas.

Il Turkmenistan dispone di importanti riserve di gas. Secondo la BP Statistical Review of World Energy del 2018, alla fine del 2017 le riserve accertate di gas naturale del Turkmenistan erano di circa 19,5 trilioni di metri cubi, con il Paese al quarto posto come riserva di gas e al nono tra i paesi produttori di gas. Entro il 2030, il Turkmenistan prevede di aumentare la produzione di gas a 250 bcm all’anno. Per un confronto, la domanda nell’UE è di circa 460 bcm all’anno.

Il gasdotto Trans Caspio è visto come un ulteriore componente del Corridoio meridionale del gas - una rete di gasdotti che trasporta il gas naturale dall’Azerbaigian all’Italia meridionale e, più avanti, in Europa, attraverso il gasdotto:

  • South Caucasus Gas Pipeline (SCPX) - Azerbaijan e Georgia;
  • Trans Anatolian Pipeline (TANAP) – Turchia;
  • Trans Adriatic Pipeline (TAP) – Grecia, Albania, Mare Adriatico, Italia;

Il gasdotto trans caspico è di grande interesse per l’UE in termini di diversificazione delle fonti di approvvigionamento di gas. La Commissione europea ha confermato il gasdotto Trans Caspio come uno dei progetti di interesse comune dell’UE. Ciò qualifica il gasdotto per il sostegno finanziario. Nel marzo 2018, la Commissione europea ha approvato il finanziamento del Pre-FEED, delle indagini di ricognizione e delle valutazioni strategiche ed economiche del gasdotto transcaspico. (“FEED” è l’abbreviazione tecnica di “Front-End Engineering and Design”.).

Per il Turkmenistan, il gasdotto Trans Caspio rappresenta un’importante opportunità per vendere il proprio gas naturale ai mercati europei, diversificando così le destinazioni di esportazione. L’attuale gasdotto interno est - ovest, che collega il giacimento di Galkynysh (al secondo posto al mondo, con riserve di gas stimate tra i 4 e i 14 trilioni di metri cubi e riserve commerciali comprovate di 2,8 trilioni di metri cubi) alla costa caspica del Turkmenistan, dovrebbe alimentare il gasdotto transcaspico. L’apertura di nuovi mercati di esportazione del gas naturale proveniente dal Turkmenistan costituirebbe inoltre un incentivo ad aumentare la produzione di gas naturale nel Paese e un ulteriore fattore di sviluppo economico.

Interesse potenziale della Svizzera nel gasdotto del Mar Caspio

Come già menzionato, l’UE ha un chiaro e forte interesse a sviluppare il gasdotto Trans Caspio e a integrarlo nella rete di gasdotti del corridoio meridionale. Anche l’UE ha compiuto passi concreti al riguardo. Durante la visita di Angela Merkel in Azerbaigian il 25 agosto 2018, la cancelliera tedesca e il presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, hanno discusso il tema della costruzione del gasdotto Trans Caspio.

E la Svizzera? Il progetto Trans Caspian Gas Pipeline è interessante per la Confederazione e per le imprese svizzere? Per rispondere a questa domanda, occorre prendere in considerazione i seguenti aspetti:

  • il gas naturale rappresenta circa il 12,5% del consumo energetico in Svizzera;
  • La Svizzera importa il 100% del gas naturale di cui ha bisogno;
  • come importante Paese di transito nel cuore dell’Europa, la Svizzera è molto ben integrata nella rete europea di trasporto del gas naturale e dispone anche di una rete di trasporto capillare a livello nazionale;
  • con il divieto di produzione di energia nucleare e di carbone, la domanda di gas naturale potrebbe aumentare;

La parte del corridoio meridionale del gasdotto Trans Adriatic Pipeline (TAP) è un progetto avviato nel 2003 anche dalla società svizzera EGL (Elektrizitäts-Gesellschaft Laufenburg), ora parte del Gruppo Axpo. Trans Adriatic Pipeline è di proprietà e gestione della società TAP AG, con sede a Baar, nel cantone di Zugo. All’inizio Axpo deteneva il 42,5% di TAP AG. La sua partecipazione è stata successivamente ridotta al 5%. Gli altri stakeholders del Trans Adriatic Pipeline sono la State Oil Company of Azerbaijan Republic, SOCAR (20%), BP (20%), la società italiana Snam S.p.A. (20%), la società belga Fluxys (19%) e la società spagnola Enagas (16%).

In occasione del lancio del progetto TAP il 28 giugno 2013, il ministro Johann Schneider-Ammann, capo del Dipartimento federale dell’economia, ha dichiarato che “il progetto è importante per la Svizzera, in quanto siamo dipendenti dal petrolio e dal gas. Il nuovo gasdotto aumenterà la sicurezza dell’approvvigionamento e, inoltre, un’azienda svizzera vi partecipa“[1]. In questo contesto non sarà un errore affermare che qualsiasi gasdotto o altro progetto infrastrutturale volto ad aumentare e diversificare l’approvvigionamento di gas all’Europa può essere considerato un contributo alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico in Svizzera. Il gasdotto Trans Caspian Gas Pipeline è sicuramente un progetto di questo tipo e non può essere privo di interesse per la Svizzera.

Siete interessati a saperne di più su questi progetti e su come la vostra azienda può trarne vantaggio? Non esitate a contattare la responsabile S-GE per la Svizzera italiana, Monica Zurfluh, per ulteriori informazioni e per un’assistenza personale.

[1] www.swissinfo.ch/ita/nuovo-gasdotto-per-l-europa_tap--800-chilometri-di-gas-e-di-rischi/36335888

 

 

 

Porto marittimo di Turkmenbashi & Gasdotto Trans Caspio

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale