Global Opportunities

Mercati maturi: il caso della Formula Uno quale acceleratore tecnologico nel Regno Unito

La Formula Uno è uno degli ambiti in cui vengono presentati i più eccezionali esempi di ingegneria delle prestazioni. Nonostante la Formula Uno e la sua catena di produzione offrano concrete opportunità di mercato e un palcoscenico per eccezionali progetti di R&S, accedere al settore non è un compito facile. È una realtà verticalmente integrata che richiede la massima reattività e affidabilità. Leggete qui per capire come le aziende fornitrici della Formula Uno possano eventualmente trasferire loro capacità tecnologiche ad altri settori (ad es., aeronautica, difesa, medtech).

Due ingegneri che lavorano nell’ambito dell’ingegneria e dell’analisi dati

È possibile rivolgersi con successo a nuovi mercati con più alto potenziale in termini di volume per ridurre la dipendenza dal settore dello sport automobilistico. Le principali scuderie della Formula Uno hanno scorporato rami di ingegneria che lavorano su progetti ad hoc per clienti esterni, applicando con successo le efficienti metodologie di progettazione e di produzione della F1. Questi rami di ingegneria hanno come obiettivo l’integrazione di tecnologie eccezionali, per cui la F1 si trova in prima linea tecnologica in vari ambiti, dal settore automobilistico all’elettronica di consumo passando per le tecnologie mediche.

Il trasferimento tecnologico è alimentato dalla crescente importanza della disponibilità di dati in tempo reale per il processo decisionale. In una gara di F1, i dati vengono analizzati in tempo reale per individuare la migliore strategia. Effettuando migliaia di simulazioni al minuto, i dati permettono di rispondere a domande del tipo “Quali sono le conseguenze legate a una sosta immediata ai box?” La combinazione di dati matematici e simulazione può contribuire a individuare tendenze e comportamenti. Mercedes ad esempio analizza i dati per individuare i difetti dei componenti automobilistici. Complessivamente la scuderia Mercedes produce 350 terabyte di dati all’anno.

Ma in che modo ciò è rilevante per altri mercati?

Semplice, perché altri mercati utilizzano tecnologie simili e si affidano a grandi quantità di dati per arrivare a un processo decisionale informato. Diverse sfide si basano sull’analisi di dati automatizzati per generare una reazione, e gli strumenti per giungere alle soluzioni sono molto simili, nonostante la natura del problema sia diversa. Ad esempio, la raccolta e l’organizzazione di big data per un’auto o un sistema informatico costituiscono operazioni molto simili a quella di un istituto di ricerca medica, dove grandi quantità di dati, come ad esempio le sequenze genetiche, devono essere raccolti ed esaminati.

Ad esempio, Roche applica IA e RWE nei suoi processi di produzione per ottenere informazioni per la manutenzione tempestive ed economicamente vantaggiose. Novartis sta sviluppando una piattaforma analitica predittiva di apprendimento automatico denominata “Nerve Live” in collaborazione con la società di apprendimento automatico statunitense Quantam Black. I suoi sofisticati algoritmi permettono di effettuare analisi dei dati di ricerca e dei dati clinici passati e presenti per fare previsioni di performance nella progettazione degli studi clinici.

Considerando il potenziale di mercato in più ambiti, le scuderie di F1 stanno sviluppando prodotti in altri settori e attività basate sui dati, investendo ampiamente in aree quali la scienza dei dati, l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale.

Le macchine moderne diventano sempre più abili ad adattarsi al cambiamento, data la loro capacità di svolgere diverse attività. Ciò permette di aprire un mondo di opportunità al trasferimento tecnologico, una macchina che un giorno costruisce un componente automobilistico, può sviluppare un dispositivo medico il giorno successivo. Quindi per un’azienda è opportuno porsi la domanda: “Come è possibile trasferire la mia tecnologia ad altri settori?”

Esempi di trasferimenti tecnologici della Formula Uno

1. McLaren Applied Technologies

McLaren Applied Technologies (MAT) è stata fondata per lavorare all’intersezione tra ingegneria, dati e tecnologia, con l’obiettivo di creare soluzioni in quattro settori: sport automobilistici, automotive, trasporti pubblici e salute. L’unità tecnologica creata dalla scuderia automobilistica è cresciuta passando da tre collaboratori alla cifra impressionante di 250 collaboratori nei primi cinque anni.

Uno dei primi progetti ai quali MAT ha lavorato sono stati i Giochi Olimpici di Londra 2012, sviluppando sistemi di gestione della performance per individuare le tendenze delle prestazioni degli atleti. In un modo simile a quello in cui vengono assemblati e analizzati i dati di un’auto da corsa, la tecnologia è stata applicata agli atleti per ottimizzare le loro prestazioni.

Più recentemente MAT ha collaborato con l’Università di Oxford per ottimizzare i suoi servizi medici attraverso lo sviluppo di strumenti di analisi dei dati. Nello stesso modo in cui i sensori vengono utilizzati nelle auto da corsa di F1 per trasmettere dati in tempo reale, essi sono stati utilizzati in ambito chirurgico per valutare il lavoro dei chirurghi. Analogamente questi sensori sono stati utilizzati su pazienti in fase pre- e post-operatoria per valutarne l’idoneità o lo stato di recupero. Da allora MAT ha collaborato con una serie di operatori importanti di diversi settori, applicando le sue soluzioni ad altri mercati.

2. Williams Advanced Engineering

Analogamente a MAT, William Advanced Engineering, la divisione di ingegneria e tecnologia del gruppo Williams, sta applicando le sue competenze in altri settori. L’azienda è attualmente alle prese con lo sviluppo di nuove tecnologie e servizi nei settori della difesa, aerospaziale e sanitario.

Recentemente Williams Advanced Engineering ha collaborato con la società britannica Advanced Technology Healthcare per creare il Babypod 20, progettato per il trasporto dei neonati e costruito per resistere a forze di 20 G in caso di incidente, grazie al suo resistente guscio in fibra di carbonio utilizzato anche per proteggere i piloti delle auto da corsa. La cinghia utilizzata per bloccare il neonato è la stessa che viene adottata per i piloti di F1.

Progetti dello Swiss Business Hub UK + Ireland

Lo Swiss Business Hub UK + Ireland è impegnato a promuovere molteplici competenze tecnologiche nei suoi settori di interesse. I prossimi progetti sono parte di un programma triennale sviluppato dall’Ambasciata svizzera nel Regno Unito allo scopo di sfruttare il potenziale di trasferimento tecnologico dal settore della Formula Uno ad altri settori. Quello dei dati analitici avanzati per la presa di decisioni in tempo reale è stato uno degli ambiti identificati come ad alto potenziale, con le scienze della vita a rappresentare un naturale campo di applicazione.

1. Performance Engineering Mission – 29-30 aprile, Hinwil, CH

Utilizzando come vettore lo sport automobilistico e le sue tecnologie abilitanti, il progetto mira a promuovere la Svizzera come Paese innovativo con eccezionali competenze in alcune aree tecnologiche selezionate di fondamentale importanza per la mobilità intelligente e altro ancora. Combinando lo sport automobilistico e la forza dell’ingegneria delle prestazioni svizzeri, il progetto ha l’obiettivo di favorire la collaborazione commerciale e nel settore R&S con le principali Nazioni coinvolte nella Formula Uno.

Per ulteriori informazioni e per registrarsi cliccare qui.

2. Real-world Data Mission – 24-25 giugno, Londra e dintorni

Le innovazioni basate sui dati del mondo reale (RWD, real world data) sono fondamentali per far fronte alle nuove esigenze del paziente, ma non solo: modernizzano infatti le modalità di fornitura delle prestazioni mediche e migliorano l’efficienza del sistema sanitario. Lo Swiss Business Hub UK + Ireland ha progettato una missione fact finding per le imprese svizzere che innovano nell’interfaccia tra analisi avanzata dei dati del mondo reale e life science attraverso lo sviluppo di:

  • soluzioni innovative in grado di migliorare l’efficienza operativa del sistema sanitario nazionale
  • innovazioni con un impatto sulla fornitura di prestazioni mediche con l’obiettivo di “portare il sistema sanitario nazionale verso il paziente”
  • Cure di ultima generazione e medicina personalizzata

Per ulteriori informazioni e per registrarsi cliccare qui.

 

Come beneficiare di queste opportunità?

Se desiderate valutare più nel dettaglio le opportunità legate alla Performance Engineering Mission o alla Real-world Data Mission, Monica Zurfluh, Head of S-GE Southern Switzerland sarà lieta di fornirvi ulteriori informazioni e una consulenza personalizzata.

Contatto

Link

Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale