Global Opportunities

Giochi olimpici invernali 2022 – opportunità di business per le PMI svizzere

Dopo che Pechino si è aggiudicata l’organizzazione dei Giochi olimpici invernali del 2022, il governo centrale cinese ha presentato un progetto ambizioso, tramite cui 300 milioni di cittadini cinesi potranno praticare sport invernali. Il presente progetto aumenterà la quota cinese di partecipazione all’industria dello sport invernale globale, passando da poco meno del 2% al 22%. Nel frattempo, il governo sottolinea l’esistenza di un enorme potenziale economico derivante dall’evento del 2022. L’obiettivo prefissato, mediante il sostegno di aziende dello sport, la costruzione di nuovi centri sportivi, l’ampliamento del mercato sportivo per prodotti di consumo, nonché di servizi connessi al settore, è di poter raggiungere volumi settoriali della cifra di 800 miliardi di dollari USA.

In occasione dei prossimi Giochi olimpici invernali 2022 è richiesto il know-how svizzero relativo alle montagne e al settore delle tecnologie invernali per un grande potenziale dell’industria cinese dello sci.
In occasione dei prossimi Giochi olimpici invernali 2022 è richiesto il know-how svizzero relativo alle montagne e al settore delle tecnologie invernali per un grande potenziale dell’industria cinese dello sci.

In Cina, grazie al ceto medio in crescita, lo sci acquista maggiore popolarità, essendo essa considerata un’attività per la famiglia. I Giochi olimpici stanno portando a un vero e proprio boom edilizio e di sviluppo: entro il 2022 vi saranno probabilmente oltre 1’000 resort sciistici e 40 milioni di turisti invernali.

Un netto aumento delle stazioni sciistiche in Cina

A febbraio 2016, in occasione della “Asia Pacific Snow Conference”, nell’ambito della fiera ISPO/ALPITEC a Pechino, è stato presentato un primo studio sull’industria dello sci cinese. Di conseguenza, nel 2015 sono stati costruite 108 nuove stazioni sciistiche. Tale cifra è salita perciò a 568, ovvero segna un aumento del 23,48% rispetto all’anno precedente.

Dallo studio si evince inoltre che, nella stagione 2014/15, le presenze cinesi presso località sciistiche sono state pari a 12,5 milioni. Ciò corrisponde a un aumento del 21,36% rispetto alla stagione dell’anno precedente 2013/14 (10,3 milioni di visitatori). Pechino conta 23 comprensori sciistici e nella stagione 2014/2015 ha accolto 1,7 milioni di visitatori, confermandosi così il centro più importante del Paese per gli sport invernali, seguito dalle province nord-orientali di Heilongjian e Jilin.

Industria dello sci: opportunità d’investimento a lungo termine per imprenditori edili cinesi

L’industria dello sci è definita ad alta intensività di capitale, ed è un’opzione d’investimento a lungo termine che tuttavia offre, un grande potenziale d’investimento. A causa degli elevati costi edili e delle limitazioni geografiche e climatiche non teme quasi concorrenti. Nel frattempo, imprenditori edili cinesi di successo rivolgono la loro attenzione alla nuova costruzione di comprensori per lo sci. Il gruppo Vanke ha investito 40 miliardi di RMB nella modernizzazione della stazione sciistica Songhuahu, nella provincia di Jilin. A luglio 2016, lo stesso gruppo ha annunciato l’avvio di un partenariato strategico tra Songhuahu e Beidahu, che offrirà un’eccezionale esperienza per gli amanti dello sci. Per questo motivo sono previste ampie misure edili riguardanti gli impianti esistenti. Un altro gigante immobiliare, Dalian Wanda Group ha realizzato il comprensorio internazionale a Changbaishan, una moderna meta turistica per gli sciatori, con un investimento complessivo di 23 miliardi di RMD. Il Thaiwoo Ski Resort a Chongli sarà ristrutturato con un investimento pari a 20 miliardi. Nella prima fase di costruzione sono già state realizzate 28 piste da sci, 4 ski-lift e 11 tappeti mobili. A conclusione dei lavori di costruzione il Thaiwoo Resort avrà 200 piste da sci con un’estensione di oltre 138 km, 45 ski-lift e 21 tappeti mobili. Anche gli investitori esteri si sono già avviati alla scoperta della regione. Genting Secret Garden (GSG) è un grande progetto d’investimento del valore di 6,5 miliardi di RMB del gruppo malese Genting a Chongli/Zhangjiakou. Attualmente, il gruppo gestisce circa 30 piste. Nei prossimi anni, tale stazione sarà ulteriormente ampliata. Entro il 2021 GSG offrirà impiego a circa 5’000 collaboratori, mentre entro il 2022 GSG gestirà 14 ski-lift e circa 90 piste e percorsi per lo sci, con oltre 70 km di tracciati.

Opportunità per le PMI svizzere legate ai Giochi olimpici invernali del 2022

Le imprese svizzere del segmento beneficeranno del potenziale di mercato dell’industria sciistica cinese, grazie alla loro grande esperienza nella montagna e nel settore della tecnologia degli sport invernali.

La Svizzera si conferma una delle migliori destinazioni per lo sci nel mondo ed è conosciuta per il know-how nel settore dell’infrastruttura dello sport invernale. Per le stazioni sciistiche svizzere e le società di gestione a esse connesse si aprono diverse opportunità di partecipazione, ad esempio nella pianificazione globale di stazioni per professionisti, oppure nel collegamento a varie località. Inoltre, la Cina ha urgentemente bisogno di partner con esperienza nella gestione operativa (ad esempio: doppio utilizzo di stazioni sciistiche in inverno e in estate), nonché programmi di formazione professionali per maestri di sci.

In riferimento all’infrastruttura, le principali stazioni sciistiche in Cina sono ancora scarsamente attrezzate e dispongono spesso soltanto di uno o pochi tappeti mobili. Soltanto 122 delle 568 stazioni sono dotate di ski-lift. E questi restano piuttosto arretrati rispetto allo standard europeo. Le stazioni sciistiche cinesi, in fase di rapida espansione, in particolare nella parte orientale e settentrionale del Paese si rivolgono soprattutto al ceto medio cinese benestante e in crescita. Il focus è posto dunque sulle nuove costruzioni o sulla modernizzazione delle infrastrutture sciistiche, nonché sul consumo di prodotti di questa disciplina sportiva. Le imprese svizzere, come i produttori di impianti di risalita o di attrezzature personali per lo sci possono beneficiare particolarmente dell’offensiva d’investimento cinese.

Anche se le temperature al di sotto dello zero sono favorevoli, l’altro grande problema pratico è costituito dalle precipitazioni proporzionalmente scarse. La maggior parte delle località dipende perciò dall’innevamento artificiale. Nel 2015 sono stati impiegati in Cina circa 4’000 cannoni per la neve, 3’500 sono stati importati, solamente 500 sono frutto della produzione locale. In Cina vi sono 330 gatti delle nevi, 300 di questi sono stati importati. I produttori svizzeri di impianti d’innevamento artificiale e di strumenti per le piste dovranno misurare definitivamente le loro opportunità commerciali sul mercato cinese.

La missione conoscitiva ufficiale relativa ai Giochi olimpici invernali del 2022 a Pechino, organizzata dallo Swiss Business Hub China, si è svolta dal 13 al 16 febbraio 2017. Hanno partecipato 15 imprese e associazioni svizzere del settore dell’organizzazione di sport invernali e di eventi, tra cui principalmente offerenti di prodotti e servizi dei settori dell’edilizia, infrastruttura, tecnologie di costruzione verdi, pianificazione dei resort, gestione della catena di approvvigionamento, attrezzature per gli sport invernali e fornitura di servizi e beni di consumo. La missione conoscitiva ha offerto ai partecipanti l’occasione unica di presentare agli organi decisionali e agli enti, incaricati dell’organizzazione dei Giochi olimpici 2022 a Pechino, i loro prodotti e il know-how. Tra le altre cose, sono stati programmati un meeting B2G con il Comitato organizzativo dei Giochi olimpici invernali e dei Giochi paraolimpici 2022 (abbreviato con: BOCOWG) e un incontro B2G con il Leading Group Office della provincia di Hebei per la 24a edizione dei Giochi olimpici invernali a Chongli, nonché incontri con progettatori di località come Genting Secret Garden e Thaiwoo Ski Resort a Chongli.

Fiere internazionali dei Giochi invernali – iscriversi subito!

A Pechino si svolge dal 7 al 10 settembre 2017 la WWSE, la fiera mondiale degli sport invernali. Maggiori informazioni e iscrizione.

La ISPO Pechino si svolge dal 24 al 27 gennaio 2018 a Pechino ed è la principale fiera dello sport che raggruppa più settori in Asia. Maggiori informazioni e iscrizione.

Avete domande sulle fiere internazionali? Contattate il nostro team fiere per saperne di più. Cliccate qui per una panoramica sui prossimi SWISS Pavilion.

Mettetevi in contatto con il nostro consulente S-GE per la Cina Daniel Bont o con lo SWISS Business Hub China per beneficiare delle opportunità legate all’industria dello sci cinese

 

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale