Novità

Polonia: opportunità commerciali per le PMI svizzere nel settore della sanità

Nel settore sanitario polacco vengono attualmente operati numerosi investimenti che offrono eccellenti opportunità commerciali per gli offerenti svizzeri di tecnologia e di dotazione di apparecchiature medicali. Dal 2006 la spesa statale per la sanità è raddoppiata e al momento si attesta a circa 17 miliardi di euro. L’importo più ingente di questa somma, pari a 7,6 miliardi di euro, è rappresentato dai costi delle cure ospedaliere.

 

In Polonia spese milionarie per nuovi ospedali
In Polonia spese milionarie per nuovi ospedali

La Polonia desidera migliorare la disponibilità e la qualità della prevenzione della salute. Vengono costruiti nuovi ospedali e le strutture preesistenti sono modernizzate. Oltre al finanziamento statale, a rivestire un ruolo fondamentale sono altresì i fondi europei.

Attualmente sono in corso lavori di costruzione per i seguenti ospedali:

  • Ospedale universitario di Cracovia (valore dell’investimento pari a circa 280 milioni di euro, in costruzione dal 2015, conclusione prevista per il 2019) con 925 posti letto e stazioni: neurochirurgia, oncologia, tossicologia, gastroenterologia, cardiologia, chirurgia e chirurgia del viso, malattie polmonari, otorinolaringoiatria, urologia, allergologia, immunologia e malattie infettive.
  • Centro per la medicina non invasiva a Danzica (valore dell’investimento pari a circa 142 milioni di euro, in costruzione dal 2015, il primo lotto dovrebbe essere concluso nel 2018 e il secondo nel 2020) con 688 posti letto e stazioni: ostetricia, neonatologia e medicina per le donne, stazioni internistici, cardiologia e cardiochirurgia, diabetologia, ematologia e trapiantologia, oncologia con radioterapia, malattie psichiche, geriatria, blocco chirurgico con otto sale operatorie, dermatologia e relativi centri di consulenza, centro di medicina nucleare e centro per la medicina del sonno.
  • Ospedale Sud di Varsavia (valore dell’investimento pari a circa 95 milioni di euro, in costruzione dal 2016, conclusione prevista per il 2018) con 309 posti letto e stazioni: servizio di salvataggio, malattie internistiche, cardiologia, ostetricia con neonatologia e ginecologia, geriatria, ortopedia, chirurgia, psichiatria, centri di consulenza specialistica e relative unità per la diagnosi e la riabilitazione, incl. banca del sangue.
  • Ospedale pediatrico a Posen (valore dell’investimento pari a circa 71 milioni di euro, in costruzione dal 2017/18, conclusione prevista per il 2021) con 359 posti letto e stazione per servizi di salvataggio.

Gli investimenti nella sanità sono finanziati anche da fondi europei. Nella prospettiva UE 2014-2020, nellʼambito del programma di finanziamento delle infrastrutture e dellʼambiente è stato previsto lo stanziamento di quasi 470 milioni di euro per investimenti nella sanità.

Gli obiettivi di tale programma sono:

  • 60 nuovi aerodromi per elicotteri del servizio di salvataggio
  • lʼassistenza per 90 stazioni di servizio di salvataggio negli ospedali
  • lʼassistenza per 33 ospedali interregionali (ovvero ospedali che accolgono il 30% in più di pazienti da altri voivodati), che offrono i seguenti servizi: terapia delle malattie della civilizzazione, ostetricia, ginecologia, neonatologia, terapia delle malattie infantili e relativa diagnostica
  • 200 milioni di euro per apparecchiature medicali

Gli ospedali e i policlinici possono inoltre beneficiare di programmi di finanziamento regionali. Dei 31 miliardi di euro, oltre 10 sono stati destinati alla cosiddetta infrastruttura sociale, per il finanziamento tra l’altro anche di investimenti nel settore sanitario. Alcuni di questi fondi sono già stati allocati. La panoramica che segue riguarda le nuove decisioni che sono state rese note negli scorsi tre mesi, tutte co-finanziate da programmi di finanziamento regionale UE.

  • Il voivodato della Pomerania occidentale spenderà 365 milioni di zloty (87 milioni di euro) per investimenti in complessivamente dieci ospedali. I progetti si concentrano soprattutto sulla diagnosi e sulla terapia delle malattie della civilizzazione (diabete, cancro, malattie cardiache e delle ossa). Negli ospedali verranno costruite nuove sale operatorie e ambulatori ed è previsto l’acquisto di moderne apparecchiature per risonanze e tomografie.
  • Presso il centro di ricerche innovative dell’Università di Bialystok sorge un Centro per il sequenziamento del genoma e un laboratorio per la ricerca sugli alimenti con effetto terapeutico. Il valore dell’investimento si aggira sui 188 milioni di zloty (45 milioni di euro), di cui 131,6 milioni di zloty (31 milioni di euro) in fondi dell’UE.
  • La città di Cracovia ha deciso di fornire sostegno finanziario a tre ospedali per poter ampliare la propria offerta. Presso l’Ospedale Giovanni Paolo II sorgerà un centro per l’oncologia (focalizzato sul cancro al seno) e uno per i trapianti. Inoltre la struttura verrà modernizzata ed equipaggiata con una nuova sala operatoria, una sala risveglio e una per lʼultrasonografia. L’ospedale acquisterà inoltre moderne apparecchiature, tra le quali apparecchiature per risonanze magnetiche e per radiografie. L’ospedale Rydygier allestirà un Centro per la maternità e la ginecologia. È prevista la modernizzazione delle sale e l’acquisto di nuove apparecchiature. Il centro di riabilitazione e ortopedia di Cracovia costruirà tre nuove sale operatorie, una sala risveglio, nuove sale per i pazienti e una banca del sangue. Inoltre è previsto l’allestimento di nuove sale per radiografie e ultrasonografia. Il progetto comprende anche l’acquisto di apparecchiature. Complessivamente i progetti costeranno 85 milioni di zloty (20 milioni di euro), 67,5 milioni di zloty (16 milioni di euro) verranno finanziati con fondi europei.
  • Nel voivodato della Bassa Slesia 37 ambulatori e ospedali verranno finanziati con complessivamente 68 milioni di zloty (16 milioni di euro). I progetti prevedono il rinnovo degli ambulatori e l’allestimento con apparecchiature mediche, come quelle per l’ultrasonografia. Un ospedale a Breslavia riceverà, inoltre, supporto per la cura dell’AIDS, del diabete e della sifilide. Un altro ospedale di Breslavia riceverà le sovvenzioni per l’acquisto di apparecchiature per la mammografia.
  • Al voivodato della Bassa Slesia sono destinati inoltre 60 milioni di zloty (14 milioni di euro) per investimenti nel settore dell’oncologia. A Breslavia verrà creata e allestita una Breast Unit e nel futuro centro di oncologia sorgerà un nuovo blocco chirurgico. Verranno inoltre costruite nuove sale per la terapia del cancro alla prostata, una stazione di diagnostica molecolare e una di medicina palliativa. A Jelenia Gora è in corso la costruzione di un nuovo centro per radioterapia.
  • A Radom (voivodato della Masovia) a due ospedali sono assegnati 11 milioni di zloty (2,6 milioni di euro) per l’introduzione di sistemi IT e servizi elettronici. I progetti comprendono l’introduzione di sistemi informatici che dovrebbero consentire l’accesso online ai risultati, la registrazione elettronica delle visite mediche e le consultazioni elettroniche.

Per scoprire maggiori informazioni sul mercato polacco nel settore sanitario annunciatevi per una consulenza Paese gratuita oppure contattate Monica Zurfluh, Head of S-GE Southern Switzerland.

 

Ospedale universitario di Cracovia/Prokocim, fonte Collegium Medicum dell’Università Jagellonica a Cracovia

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale