Novità

Anne McBride: “Per gli americani lʼalta qualità nel cibo è fondamentale”

La vita di Anne Engammare McBride ruota intorno al cibo: la content provider tratta regolarmente temi legati alla cucina professionale e sperimentale, è co-autrice di numerosi libri di ricette, organizza e interviene a eventi di cucina, inoltre ha svolto il dottorato in scienze gastronomiche. Essendo svizzera, raccomanda ai produttori svizzeri, che vogliono prendere piede nel mercato food statunitense, di far leva sui punti di forza per cui il Paese rossocrociato è conosciuto a livello internazionale.

“La Svizzera è un simbolo di alta qualità, precisione e affidabilità”
“La Svizzera è un simbolo di alta qualità, precisione e affidabilità”

Anne, qual è il ruolo degli alimenti di alta qualità negli USA?

Per il segmento della popolazione che può permettersi la qualità, è estremamente importante e negli ultimi 15 anni ha acquisito una maggior rilevanza. Lʼinteresse degli americani per il buon cibo ha reso il Paese forte nel mondo gastronomico. Gli americani sono particolarmente attenti allʼutilizzo di ingredienti e prodotti di alta qualità, inoltre, la loro origine e i metodi di produzione giocano un grande ruolo.

Quanto tempo passano ai fornelli gli americani?

La media, secondo lʼUfficio di statistica USA, corrisponde a 37 minuti al giorno, un tempo non particolarmente lungo che gli americani dedicano alla cucina, rispetto ad altri Paesi. Ecco perché adorano i prodotti pronti che si possono facilmente utilizzare in cucina.

Qual è la giusta strategia di marketing per il cibo svizzero negli USA in questo contesto?

Le tradizioni culinarie e gastronomiche svizzere non sono molto conosciute negli USA, ad eccezione dei classici prodotti formaggio e cioccolato. Ma in generale, la Svizzera simboleggia lʼalta qualità, la precisione e lʼaffidabilità. Una buona strategia di marketing sottolinea questi elementi e giunge al risultato desiderato, ovvero la vendita di tali prodotti. Il Paese rossocrociato gode della reputazione di essere molto tradizionalista, rendendolo non particolarmente interessante ai palati dei giovani consumatori. Perciò, accentuando la modernità dei suoi prodotti con marchi e mediante campagne di marketing mirate alla generazione Y, potrebbe rilevarsi una buona strategia per raggiungere un mercato più ampio.

In quali aree considerate il principale potenziale per i prodotti alimentari svizzeri?

Vedo il principale potenziale iniziale nel mercato gourmet e delle specialità. Per la sua elevata qualità, la Svizzera non è associata a prezzi convenienti, perciò, a mio avviso potrebbe essere un primo passo, focalizzarsi su settori dove persone abbienti interessate al cibo sono alla ricerca di prodotti di alta qualità che sembrano essere appetibili ai loro occhi. Esiste un forte effetto di distribuzione capillare degli alimenti negli USA, vorrei dunque puntare a più supermercati tradizionali con un reparto gourmet e/o che sono dislocati in zone ricche.

Che consiglio fornirebbe alle PMI svizzere alla ricerca di successo nel mercato alimentare USA?

È importante mostrare ai clienti come utilizzare i loro prodotti. Assumere ambasciatori del brand nei mercati chiave costituisce un aspetto rilevante della mia strategia, persone che conoscono il mercato USA e con prodotti svizzeri in grado di trasferire le loro caratteristiche ad un pubblico americano, permettendo di integrarli nelle loro abitudini gastronomiche ed alimentari.

A novembre, insieme al Consolato generale di Svizzera a New York, ha organizzato un evento per i partecipanti della food challenge. In che modo ha sperimentato il cibo svizzero e i produttori di bevande?

Sì, ho lavorato con il team del Consolato svizzero al concetto dellʼevento di novembre, al suo svolgimento e alla gestione dei suoi ospiti. Questo evento si è rivelato una grande opportunità per persone autorevoli di New York, per destare il loro entusiasmo grazie alla food challenge e per condividere idee. Ero sorpresa nel vedere con quanto impegno e dedizione i produttori svizzeri hanno promosso i loro prodotti nel corso di tutta la procedura.

Utilizza prodotti svizzeri nelle sue ricette?

Sì, li utilizzo. Ogni volta che torno porto con me molti prodotti, tra di essi la farina di nocciole, che non si trova facilmente negli USA, oppure è molto costosa, ed è un ingrediente fondamentale per la cottura al forno in Svizzera.

Anne Engammare McBride

Anne Engammare McBride svolge la professione di content provider, tramite la sua attività di scrittura, di organizzazione di conferenze o di insegnamento. Ha conseguito il dottorato in scienze gastronomiche allʼUniversità di New York e ha svolto ricerca sul ruolo in via di evoluzione dello chef nel 21° secolo. Il lavoro di Anne interessa chef e ristoranti, eventi culinari globali e pasticceria per un pubblico di consumatori e di universitari, ed è co-autrice di 6 libri, tra cui “Les Petits Macarons, Payard Cookies e Culinary Careers”. Per oltre un decennio si è occupata di sviluppare, gestire e presentare eventi culinari, inoltre, è stata direttrice del programma di Worlds of Flavor® International Conference & Festival presso lʼIstituto culinario americano e direttrice di “Experimental Cuisine Collective” a New York, dove insegna regolarmente. Di nazionalità svizzera, Anne fa parte del consiglio dellʼAssociation for the Study of Food and Society e del comitato James Beard Foundation Awards.

Lʼevento

Il 29 novembre un gruppo di entusiasti blogger sul tema food si è riunito per una lezione di cucina alla residenza dellʼambasciatore André Schaller e della consorte Brigitte Schaller-Schoepf. Lʼincontro, organizzato da Anne McBride e dal console generale di Svizzera a New York ha messo in risalto i 17 prodotti della promozione #TasteSwitzerland presso Fairway Market. Questa occasione festiva ha presentato il formaggio svizzero abbinato al vino, nonché è stata unʼeccezionale lezione di cucina con lo chef della residenza Yannick, il quale ha cercato la vitalità di questi prodotti per elaborare le sue proprie ricette, includendo spaghetti di fagioli di soia edamame per Ramen alla svizzera e Rösti Bischofszell con salmone per una versione moderna del classico piatto alpino. Tramite questo approccio concreto, i food blogger hanno potuto provare le tradizioni della cucina elvetica e hanno beneficiato dellʼalta qualità dei prodotti svizzeri e della loro praticità per la cucina moderna. Inoltre, hanno avuto lʼopportunità di condividere questʼesperienza tramite i social media e di diffondere la visibilità della campagna #TasteSwitzerland tra un ampio pubblico digitale.

Trovate le ricette dei food blogger dellʼevento dello chef Yannick Germanier nel documento PDF sottostante (in EN).

Documenti

Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale