Novità

In Polonia lo slancio dell’automazione offre opportunità di business alle PMI svizzere

L’industria polacca deve ancora recuperare terreno dal punto vista tecnologico. Insieme alla sempre più accentuata carenza di personale specializzato e al costante aumento dei salari l’interesse e la disponibilità di investimento in soluzioni dell’Industria 4.0 crescono rapidamente. Per questo è richiesto anche il know-how svizzero.

La diffusione di robot in Polonia è cresciuta del 45% in due anni. .
La diffusione di robot in Polonia è cresciuta del 45% in due anni.

Le aziende di produzione in Polonia utilizzano sempre più spesso soluzioni del settore della robotica e dell’automazione, tuttavia la quarta rivoluzione industriale non è ancora diffusa in tutto il Paese. Sul fronte dellʼautomazione della produzione la Polonia si posiziona ancora alle spalle delle principali nazioni industriali e anche dietro ai Paesi limitrofi. Secondo la IFR (International Federation of Robotic) nel 2016 la quantità media di robot installati per 10’000 collaboratori era pari a 74 pezzi a livello mondiale a fronte dei 99 in Europa. Con soli 32 robot per 10’000 addetti, la Polonia risulta arretrata rispetto alla Slovacchia (135) e alla Repubblica Ceca (101). Si deve partire dal presupposto di riuscire a colmare tale ritardo nei prossimi anni. In due anni la Polonia ha infatti registrato una crescita del 45% nella presenza di robot.

Si delineano quindi prospettive rosee per i fornitori di soluzioni di automazione. Le aziende più grandi hanno già reagito di conseguenza ampliando la loro presenza in Polonia, come ad esempio ABB. Il suo nuovo centro di robotica, ampliato e riaperto a fine gennaio 2018 a Varsavia, funge da centro di dimostrazione, formazione e test al servizio dei clienti di tutta l’Europa centrale e orientale.

La carenza di personale specializzato resta una sfida

Una delle attuali sfide per le imprese produttrici in Polonia è lo sviluppo del mercato del lavoro. Secondo Eurostat nel 2017 il tasso di disoccupazione del Paese era pari al 4,9% (media UE-28: 7,7 %), valore che rappresenta la quota più bassa nella storia post-comunista della Polonia. I salari, inoltre, aumentano costantemente: nel 2017 hanno visto ad esempio una crescita pari a quasi il 6%. La terza sfida è l’andamento demografico negativo e il crescente invecchiamento della società. Questi fatti contribuiscono ad incrementare la carenza di personale specializzato per sempre più aziende produttrici. Dall’ultimo rapporto dell’agenzia di reclutamento Work Service risulta che la metà delle aziende polacche ha problemi nel reclutamento e nellʼassunzione del personale adeguato. Tra le aziende produttrici questa quota è ancora superiore e raggiunge quasi il 78%. Questi sviluppi accelerano la decisione di investimento in soluzioni di automazione.

Supporto politico

L’importanza della modernizzazione dell’industria è stata recepita a livello politico. La Polonia segue la strategia di una crescita responsabile che punta sulla reindustrializzazione, sullo sviluppo di aziende innovative, sulla creazione di capitale di sviluppo, sulla digitalizzazione, sull’assistenza alle PMI, sull’accesso a mercati esteri e sullo sviluppo sociale e regionale. Nel 2018 è prevista la costituzione della fondazione Piattaforma Industria 4.0, che si prefigge di promuovere lo scambio di esperienze e il know-how nel settore di Industria 4.0 in Polonia.

Nel secondo semestre del 2017 sono state emendate le leggi fiscali ed è entrata in vigore la legge sulla robotizzazione. Grazie ai cambiamenti a livello giuridico ora è possibile ammortizzare più rapidamente i costi per i robot industriali e le stampanti 3D. Si prevede che queste norme incoraggino le PMI a investire in nuove tecnologie e soluzioni.

Secondo l’ufficio di statistica polacco le spese per investimenti dell’industria nazionale in macchinari e impianti tecnologici nei primi tre trimestri del 2017 si attestavano a 7 miliardi di franchi svizzeri (+3,3% p.a.). I maggiori investitori sono il settore della lavorazione alimentare (1 miliardo di CHF), l’industria automobilistica (1 miliardo di CHF), l’industria della plastica (0,5 miliardi di CHF) e il settore della produzione di articoli in metallo (0,4 miliardi di CHF).

Le idee di Industria 4.0 sono state implementate in Polonia inizialmente da società con capitale estero, come ad esempio i centri di produzione di Volkswagen, Philips e General Electric. Anche grandi aziende polacche hanno riconosciuto il trend operando investimenti con l’obiettivo di aumentare la loro competitività sul mercato globale. Ad esempio, una delle più moderne fabbriche europee di arredamenti da ufficio ha sede nella Polonia meridionale. Lʼimpresa, che fa parte del gruppo polacco Nowy Styl, svolge un’attività di produzione su una superficie delle dimensioni di sei campi da calcio con meno di 100 collaboratori. Amica, produttore leader polacco di elettrodomestici bianchi, nel settembre 2017 ha inaugurato un magazzino completamente automatizzato, alto 46 metri, che può essere gestito da un unico operatore. Moderne soluzioni tecnologiche si possono trovare in Polonia anche nel settore alimentare (Tago, Mlekovita), nell’industria automobilistica (Solaris, Boryszew, Wielton) o nella produzione di porte e finestre (Fakro, Wisniowski).

La Polonia si sta muovendo verso Industria 4.0

L’integratore polacco di soluzioni di automazione ASTOR realizza regolarmente indagini di mercato tra le imprese produttrici polacche. Secondo il rapporto del 2017 sul tema “In quali tecnologie investono le società polacche?” la maggioranza delle aziende intervistate ritiene che l’industria polacca si trovi ancora nella terza rivoluzione industriale. Al contempo cresce tuttavia il numero di operatori del mercato che affermano che la Polonia si trovi a metà strada verso Industria 4.0. Un terzo delle società intervistate ha dichiarato di adottare misure nei confronti di Industria 4.0 e una grande maggioranza ritiene che ciò sia determinante per mantenere i vantaggi concorrenziali. Sempre più spesso si adottano soluzioni di automazione. Nel 2013 il 13% delle società riteneva di non essere assolutamente automatizzato, nel 2016 questa quota è scesa al 3%. Il 26% delle imprese dichiara di essere completamente automatizzato, a fronte del solo 13% nel 2013. Questi cambiamenti sono riconducibili, tra l’altro, agli sviluppi del mercato del lavoro.

Secondo l’indagine “Industria Smart Polonia 2017”, commissionata dal Ministero dello sviluppo e da Siemens, nel 2016 circa il 77% delle PMI polacche ha implementato almeno una soluzione con l’obiettivo di supportare l’innovazione. La soluzione più diffusa è l’automazione con l’utilizzo di macchinari singoli. Come soluzioni che dovrebbero essere di grande rilevanza futura per le PMI sono state menzionate l’automazione della produzione, le tecnologie mobili e la robotizzazione delle linee di produzione.

Il know-how svizzero è richiesto in Polonia

Essendo insufficiente il know-how presente in Polonia nel settore dellʼautomazione e della robotica, gli operatori esteri potranno beneficiare della tendenza dell’automazione e della robotica in misura superiore alla media. Sul mercato, oltre ai grandi attori come ABB, KUKA, Schaeffler o Siemens, esiste un unico importante produttore polacco, Wobit; il portafoglio di prodotti è tuttavia limitato.

L’interesse per le tecnologie svizzere risulta ad esempio nell’incremento delle esportazioni di macchine utensili per la lavorazione dei metalli dalla Svizzera verso la Polonia, che negli ultimi cinque anni sono aumentate circa dell’80% attestandosi per il 2017 a più di 94 milioni di franchi svizzeri.

Volete sondare liberamente le vostre opportunità in Polonia? Contattate Monica Zurfluh, Head of S-GE Southern Switzerland, oppure iscrivetevi a una Consulenza Paese gratuita. Ulteriori informazioni

Impulse Event: MEM Polonia

Il 15 marzo partecipate al Breakfast Talk a Zurigo e scoprite dai nostri esperti quali sono i vantaggi e gli svantaggi della piazza polacca e a cosa devono prestare attenzione le imprese svizzere quando esportano in questo Paese. Scoprite anche maggiori informazioni sulle opportunità per le PMI svizzere esportatrici nel settore MEM.

Iscrizione: https://www.s-ge.com/de/event/event-s-ge/impulsi-polonia

 

Link

Condividete
How should we contact you?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale