Novità

“Il protezionismo nuoce alla competitività”

Le PMI esportatrici svizzere non devono farsi intimorire dagli ostacoli al commercio e dalla complessità dellʼattività internazionale. Eppure le tendenze protezionistiche sono in aumento. All’edizione di quest’anno della tavola rotonda dei CEO, organizzata a Zurigo da Switzerland Global Enterprise (S-GE) all’inizio di febbraio 2018, i partner strategici di S-GE (AXA, PwC, Credit Suisse (Svizzera) SA, International SOS, Data Quest e SERV) hanno discusso con lʼospite di casa Daniel Küng, CEO di S-GE, sullʼaccettazione in calo del libero commercio.

Dieter Gosteli, responsabile Corporates presso AXA: “Maggiore è la globalizzazione, più aumenta il desiderio di vicinanza.”
Dieter Gosteli, responsabile Corporates presso AXA: “Maggiore è la globalizzazione, più aumenta il desiderio di vicinanza.”

Il protezionismo accresce la complessità dellʼattività internazionale. Gli esportatori svizzeri devono infatti capire nuovi mercati di riferimento lontani e superare le specifiche barriere commerciali, sia che si tratti di dazi, sia di registrazioni di prodotti o di altri ostacoli non tariffari. “Accanto a chiare tendenze protezionistiche, osserviamo anche un movimento contrario che va verso la globalizzazione: più ampio è il raggio d’azione in cui un’impresa opera e più forte è la tendenza a funzionare localmente”, spiega Dieter Gosteli, responsabile del settore Corporates di AXA Winterthur. Più la globalizzazione avanza, più forte è la richiesta di vicinanza che scaturisce da ragioni di tipo ecologico e psicologico. Il protezionismo non è però negativo in quanto tale, sottolinea Gosteli. Ad essere determinante è lo sviluppo di un Paese. “Per i Paesi industrializzati il protezionismo è soltanto un modo di proteggere la propria nazione e impedire lo sviluppo di un Paese in relazione alla sua competitività.” Nei Paesi economicamente meno sviluppati, invece, potrebbe aver senso la protezione dellʼeconomia nazionale per permettere la creazione di strutture. “Riuscire a farlo per tempo è però unʼimpresa ardua”, conclude Gosteli.

Per i Paesi industrializzati il protezionismo significa unicamente tutela del territorio e impedisce lo sviluppo di un Paese in relazione alla sua competitività.

Quello che occorre fare, secondo Gosteli, è aguzzare bene la vista all’interno dei propri confini: “Protezionisti sono sempre gli altri. Saremmo certamente contenti che gli esportatori svizzeri avessero libero accesso al mercato a livello mondiale, ma per questo occorre prima creare a livello nazionale i relativi presupposti. Il nostro settore assicurativo, ad esempio, non è parte della libera prestazione di servizi dell’Unione europea ed è dunque protetto.”

All’estero, AXA svolge le sue attività assicurative con partner e società locali per cui, sotto questo profilo, non è direttamente interessata dal protezionismo. “Se, però, il protezionismo inibisce la crescita dellʼeconomia globale complessiva, anche il nostro settore ne risente, spiega Gosteli. Il libero commercio invece crea nuove opportunità commerciali.

Nonostante le misure protezionistiche, la globalizzazione dell’economia avanza, spinta da nuove tecnologie. La digitalizzazione e la quarta rivoluzione industriale facilitano notevolmente il trasferimento di dati e merci oltre confine. Le catene del valore si spezzano e si fanno sempre più globalizzate e digitalizzate.

Dieter Gosteli, responsabile del settore Corporates di AXA Winterthur, illustra in questa intervista podcast gli effetti della globalizzazione sul mercato assicurativo e il motivo per cui il libero commercio è fondamentale per la crescita economica.

Navigare tra accordi di libero scambio e impedimenti all’accesso ai mercati

La Svizzera persegue un’attiva politica di libero scambio e, attraverso accordi di libero scambio, offre alle aziende svizzere l’accesso a mercati più vasti e maggiore certezza del diritto. Ciò consente alle aziende di migliorare la loro competitività rispetto agli operatori di mercato provenienti da Paesi privi di accordi di libero scambio. Per scoprire come le PMI svizzere possono navigare con successo tra accordi di libero scambio, regole OMC e ostacoli all’accesso ai mercati, potete partecipare al Forum del commercio estero, che si terrà il 26 aprile 2018 presso la fiera di Zurigo. Iscrizione.

 

Dieter Gosteli

Nel corso della sua trentennale carriera, Dieter Gosteli, classe 1959, lic. oec. HSG, ha ricoperto varie funzioni dirigenziali presso AXA Winterthur. Accanto all’esperienza maturata nel controlling, marketing e nella distribuzione, Dieter Gosteli vanta un ampio know-how in ambito attuariale nel P&C-Business, soprattutto in qualità di responsabile della clientela privata. Dal 2015 è direttore del settore Corporates.

AXA Winterthur

AXA è ancorata da oltre 140 anni in Svizzera e nell’esercizio 2015 ha conseguito un volume di affari di oltre 11 miliardi di franchi. Come principale assicurazione svizzera, AXA offre soluzioni complete ed una consulenza specializzata alla clientela aziendale. Il 40% di tutte le PMI svizzere si affidano a lei. Grazie a soluzioni settoriali flessibili e a un’estesa rete internazionale, AXA è in grado di servire ben 1,9 milioni di clienti. www.axa.ch

 

Weitere Artikel zum Thema Freihandel und Protektionismus aus dem CEO-Breakfast von S-GE

Andreas Gerber, responsabile del business clienti aziendali Credit Suisse (Svizzera) AG: “Nessun Paese può agire meglio a livello globale rispetto alla Svizzera”

Peter Gisler, responsabile della SERV:Avvertiamo l’esistenza di misure protezionistiche per grandi progetti infrastrutturali all’estero”

Ghislain de Kerviler, amministratore di International SOS in Svizzera: «Schweizer KMU brauchen im internationalen Handel mehr Mut» (coming soon)

Stefan Räbsamen, market leader presso PwC: «Protektionistische Massnahmen schaden Wirtschaft und Wohlstand» (coming soon)

Dave Gleixner, membro del Consiglio di amministrazione presso Data Quest: Mediante la globalizzazione otteniamo opportuntià completamente nuove

“Crescere a livello internazionale – tra globalizzazione e protezionismo”

 

Aussenwirtschaftsforum am 26. April in der Messe Zürich

Treffen Sie AXA am diesjährigen Aussenwirtschaftsforum am 26. April 2018 in der Messe Zürich und diskutieren Sie mit weiteren spannenden Experten, KMU und Referenten über Freihandelsabkommen und Handelshürden im Export.

Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale