Novità

USMCA: sfide e opportunità per il Messico

Dopo mesi di negoziati, i leader di Canada, Stati Uniti, Stati Uniti e Messico hanno raggiunto un’intesa che dovrebbe gettare le basi per l’attuazione del nuovo Accordo Stati Uniti-Messico-Canada (USMCA).

Vista su città del Messico
Vista su città del Messico

Il 30 settembre, i leader di Stati Uniti, Messico e Canada hanno reso pubblico il testo del nuovo accordo commerciale che sostituisce l’Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA), vecchio di 24 anni. Il nuovo accordo copre ambiti quali l’agricoltura, le regole dell’origine, le misure commerciali, i servizi finanziari, il commercio digitale, la proprietà intellettuale, il mercato del lavoro e la risoluzione delle controversie. Questo nuovo accordo trilaterale ha una durata di 16 anni, ogni sei anni dalla data di entrata in vigore potrà essere ridiscusso su richiesta di una delle parti contraenti e in qualsiasi momento rinnovato per altri 16 anni.

Firma prevista per fine novembre

Negli ultimi mesi, i rinegoziati del NAFTA hanno frenato i piani di investimento e generato incertezza in tutta la regione. Questo nuovo accordo dovrebbe essere firmato entro la fine di novembre, ma è probabile che l’incertezza in merito alla sua approvazione da parte del Congresso degli Stati Uniti prosegua nel 2019.

Implicazioni per lindustria automobilistica messicana

Mantenere un accordo con due delle più grandi economie del mondo era di estrema importanza per il Messico, poiché il NAFTA rappresentava circa il 27.8% del PIL mondiale. Ci sono tuttavia ancora dei dubbi sui benefici reali di questo nuovo accordo, in particolare per quanto riguarda l’industria automobilistica messicana. Nel suo Global Investment Trends Monitor, l’UNCTAD afferma infatti che questo nuovo accordo commerciale erode alcuni dei vantaggi competitivi del Messico e che il suo impatto si farà sentire maggiormente nella seconda metà del 2018 e nei prossimi anni.

Ad esempio, per evitare i dazi, l’accordo prevede che il 75% del contenuto delle vetture venga prodotto nella regione. Inoltre, di questo 75%, il 40% (veicoli leggeri) e il 45% (pickup) devono essere realizzati solo da lavoratori che guadagnano almeno 16 dollari all’ora, cifra molto più alta del salario tipico nel settore manifatturiero in Messico (3.5 dollari all’ora). Questa nuova misura è molto vantaggiosa sia per i lavoratori statunitensi che canadesi, ma non per quelli messicani, in quanto è stata implementata per evitare che i posti di lavoro vadano in Paesi a basso salario. Il governo messicano ha già affermato di non essere disposto ad aumentare i guadagni.

Vantaggi per l’industria automobilistica messicana grazie al nuovo accordo

Anche se l’USMCA riduce alcuni dei vantaggi a livello di costi del Messico per quanto riguarda la produzione di veicoli, la Mexican Automotive Industry Association (AMIA) ha reperito alcune opportunità. La più importante è che l’industria messicana dei fornitori del settore ha la possibilità di aumentare la produzione di pezzi auto grazie all’aumento dell’uso di ricambi di fabbricazione nordamericana dal 62.5% al 75% entro il 2023 sia per i veicoli leggeri che per i camion (El Economista).

Un altro effetto positivo è quello sui lavoratori, perché le autorità governative messicane sono tenute a consentire ai lavoratori di formare unità di contrattazione collettiva, sostenendo un contesto normativo più favorevole ai sindacati. Questa potrebbe essere un’opportunità per i lavoratori messicani per chiedere aumenti salariali, anche se non è ancora chiaro come verrà attuata.

Permangono alcune incertezze

Poiché permangono alcune incertezze sul nuovo accordo, si prevede che l’MXN (il Peso messicano, valuta) sarà contenuto e contingentato all’ambiente esterno fino al voto formale del Congresso USA nel 2019. Nel suo Global Research 2018, l’HSBC afferma che la parte superiore del cambio USD-MXN sarà probabilmente limitata a 19.75-20.00 dalla politica monetaria della banca centrale e dalla sua volontà di intervenire in caso di deterioramento delle condizioni di mercato. Un cambio USD-MXN a 19.50 a fine anno sarebbe appropriato.

Maggiore stabilità economica nei prossimi anni

Sembra che l’attuale NAFTA abbia funzionato meglio per il Messico rispetto all’USMCA a causa di diverse concessioni, come quelle sopra menzionate. Tuttavia, l’aspetto più importante dell’USMCA è che continuerà a garantire un quadro commerciale amichevole per le imprese che operano in Messico e questo potrebbe contribuire a portare maggiore stabilità nei prossimi anni.

Tuttavia, nell’ambito di un accordo più protezionistico, il Messico rimane un’opzione interessante per gli investimenti, essendo il più aperto dei tre Paesi. Indubbiamente, il Messico deve continuare a lavorare per sfruttare le opportunità offerte dall’USMCA e, soprattutto, continuare a diversificare ulteriormente il suo commercio internazionale.

State operando in Messico e non sapete come questo accordo potrebbe influenzare le vostre attività? Non esitate a contattare Monica Zurfluh, responsabile S-GE per la Svizzera italiana, per ottenere un supporto sugli effetti dell’USMCA.

Condividete
How should we contact you?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale