Novità

Accordo di libero scambio con l’Indonesia firmato il 16 dicembre

Il 16 dicembre 2018 il consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann, la sua omologa del Liechtenstein e i rappresentanti di Islanda e Norvegia hanno firmato un accordo di libero scambio con il ministro del commercio indonesiano Enggartiasto Lukita. A medio termine l’Accordo consentirà di esportare nel quarto Paese più popolato del mondo il 98 per cento dei prodotti svizzeri in franchigia doganale.

La capitale dell'Indonesia Giacarta ha 9 milioni di abitanti
La capitale dell'Indonesia Giacarta ha 9 milioni di abitanti

L’Accordo, sul quale gli Stati dell’AELS e l’Indonesia avevano raggiunto un’intesa all’inizio di novembre, è stato sottoscritto in presenza di rappresentanti dell’economia e della politica di entrambe le parti. L’AELS diventa così il primo partner di libero scambio dell’Indonesia in Europa.    

L’accesso al mercato e la certezza del diritto saranno migliorati

L’Accordo con l’Indonesia, che ha un campo d’applicazione esteso, migliorerà l’accesso al mercato e la certezza del diritto per gli scambi di merci (prodotti industriali e agricoli) e di servizi. Comprende inoltre disposizioni concernenti gli investimenti, la protezione della proprietà intellettuale, l’eliminazione degli ostacoli al commercio non tariffari − incluse le misure sanitarie e fitosanitarie −, la concorrenza, l’agevolazione degli scambi, gli appalti pubblici, il commercio e lo sviluppo sostenibile e la cooperazione economica.

Fra i temi centrali dell’Accordo si annoverano in particolare un accesso quanto più libero possibile al mercato indonesiano per i prodotti industriali e per alcuni prodotti agricoli svizzeri nonché la regolamentazione del commercio di olio di palma indonesiano. Su questo prodotto il nostro Paese accorda sconti doganali compatibili con il mercato nel quadro di contingenti che non mettono a rischio la produzione interna di oli vegetali. L’Accordo prevede inoltre impegni relativi al rispetto di convenzioni multilaterali, tra l’altro in materia di lavoro e ambiente, e una disposizione specifica intesa a garantire una produzione sostenibile dell’olio vegetale scambiato. Nel settore della proprietà intellettuale l’Indonesia si impegna, in un accordo accessorio, a conciliare la propria legislazione sulla protezione dei brevetti con i suoi impegni internazionali.

Il 98% dei dazi doganali sarà abolito

Grazie all’accordo di libero scambio con l’Indonesia, il 98% delle esportazioni svizzere nel Paese sarà esente da dazi doganali. L'eliminazione dei dazi avverrà in maniera graduale sull'arco di 12 anni, a seconda del prodotto. La maggior parte delle merci svizzere, però, può essere esportata in Indonesia in esenzione dai dazi già a partire dall'entrata in vigore dell’accordo.

Nel settore agricolo vengono accordate le seguenti concessioni:

  • per i formaggi e i prodotti lattiero-caseari, l’Indonesia abolirà i dazi a partire dall'entrata in vigore dell'accordo o nell'arco di 5 anni. Per lo yogurt è prevista una riduzione graduale dei dazi su un periodo di 9 anni;
  • i dazi su caffè, cioccolato e biscotti saranno aboliti nell'arco di 12 anni;
  • i dazi sugli alimenti per l’infanzia saranno aboliti con l’entrata in vigore dell’accordo;
  • per le bibite energetiche, i dazi saranno aboliti entro 9 anni.

Nel settore industriale, si evidenziano le seguenti concessioni:

  • per praticamente tutti i prodotti dell’industria chimica e farmaceutica, i dazi doganali saranno aboliti immediatamente con l’entrata in vigore dell’accordo o su un periodo di smantellamento tariffario fino a 9 anni;
  • nel settore tessile non è stato possibile raggiungere un accordo su una riduzione globale dei dazi. Per i principali interessi della Svizzera in materia di esportazioni, tuttavia, l'accesso al mercato in esenzione dai dazi potrebbe essere accordato dopo un periodo di smantellamento tariffario di 5-12 anni;
  • per i macchinari, salvo poche eccezioni, i dazi doganali sono completamente eliminati. L’eliminazione dei dazi avverrà con l’entrata in vigore dell’accordo o dopo un periodo transitorio di 5-12 anni;
  • per gli orologi, tutti i dazi doganali saranno aboliti con l’entrata in vigore dell’accordo o dopo un periodo transitorio di 5-9 anni.

Ratifica prevista al più tardi nel 2020

Il processo di approvazione parlamentare è stato avviato subito dopo la firma, cosicché la Svizzera potrà ratificare l’accordo entro il 2020.

Con un volume commerciale di circa 830 milioni di franchi all’anno (esclusi metalli preziosi, pietre preziose e semipreziose, oggetti d’arte e di antiquariato), l’Indonesia è uno dei principali partner economici della Svizzera nell’Asia sudorientale. Alla fine del 2016 la Banca nazionale svizzera registrava un volume di investimenti diretti svizzeri in Indonesia per un importo pari a 6,9 miliardi di franchi.

Export nach Indonesien?

Haben Sie Fragen zu Exportpapieren, Freihandelsabkommen und Warenursprung? Hier finden Sie Checklisten, FAQs, die Zolldatenbank oder kontaktieren Sie unser ExportHelp-Team. Innert 24 Stunden erhalten Sie eine Rückmeldung und Recherchen bis zu einer Stunde Aufwand sind kostenlos.

Kontakt

Link

Condividete
How should we contact you?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale