Novità

Perché le leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni sono rilevanti per le aziende svizzere

Pur essendo molto favorevoli alle esportazioni, gli Stati Uniti controllano come e verso quali Paesi i loro prodotti sono direttamente o indirettamente esportati. Di conseguenza, si consiglia alle aziende svizzere (e ad altre aziende non statunitensi) di prestare attenzione alle leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni, anche per la riesportazione di merci o componenti di origine statunitense.

Foto

Le leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni che si applicano a beni, software e tecnologia hanno un’ampia portata extraterritoriale e il governo degli Stati Uniti cerca di penalizzare le aziende e gli individui che violano queste leggi, indipendentemente da dove si trovino. L’applicazione delle leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni sarà ancora più ampia con l’aggiunta di “tecnologie emergenti e fondamentali” all’elenco dei prodotti controllati (autorizzato dall’Export Control Reform Act del 2018).

Vi sono molte ragioni per le quali gli Stati Uniti controllano le esportazioni: dalla lotta alla criminalità organizzata e al terrorismo, alla non proliferazione nucleare e al controllo delle armi chimiche e biologiche, alle questioni di politica estera e di stabilità regionale, alle considerazioni sulla sicurezza nazionale. Diversi dipartimenti e agenzie statunitensi sono coinvolti nel controllo delle esportazioni. Le tre autorità principali sono:

  • Department of State’s Directorate of Defense Trade Controls (DDTC, Dipartimento di Stato della Direzione dei controlli del commercio della difesa), è responsabile dell’applicazione e dell’esecuzione delle International Traffic in Arms Regulations (ITAR, regolamentazioni sul traffico internazionale di armi);
  • Department of Commerce’s Bureau of Industry and Security (BIS, Ufficio dell’industria e della sicurezza del Ministero del commercio), responsabile dell’attuazione e dell’applicazione delle Export Administration Regulations (EAR, regolamenti dell’Amministrazione delle esportazioni);
  • Department of the Treasury’s Office of Foreign Assets Control (OFAC, Ufficio per il controllo dei beni esteri presso il Dipartimento del Tesoro), che amministra e applica gli embarghi e le sanzioni statunitensi nei confronti di determinati Paesi e individui.

Regolamenti sull’amministrazione delle esportazioni (EAR)

L’ITAR riguarda gli articoli della difesa, i servizi di difesa e i relativi dati tecnici. Gli articoli soggetti all’EAR comprendono invece gli articoli civili, gli articoli con applicazioni sia civili che militari e gli articoli utilizzati esclusivamente per applicazioni militari, ma che non ne garantiscono il controllo ai sensi dell’ITAR, ossia gli articoli militari meno sensibili (si noti inoltre che nel 2013 alcuni articoli sono stati spostati dall’ITAR all’EAR). Il presente articolo si concentra sull’EAR.

I prodotti soggetti all’EAR sono: prodotti di base* (ad esempio, materiali, attrezzature), software e tecnologia. L’EAR contiene l’elenco di controllo del commercio (CCL), che menziona tutti i prodotti soggetti all’autorità di rilascio delle licenze di esportazione della BIS. Tutti questi prodotti hanno un numero di classificazione del controllo delle esportazioni (ECCN) che indica il loro livello di controllo. Questo a sua volta determina se l’esportazione di un articolo verso un determinato Paese richiede una licenza da parte del BIS. Nel caso in cui sia richiesta una licenza, l’EAR stabilisce una serie di eccezioni alla licenza che possono essere applicate a seconda del prodotto, del Paese di destinazione e di altri fattori.

L’EAR distingue tra “esportazione”, “riesportazione” e “rilascio”. Per esportazione si intende l’effettiva spedizione o trasmissione di prodotti al di fuori degli Stati Uniti. Per riesportazione si intende l’effettiva spedizione o trasmissione di prodotti soggetti all’EAR da un Paese non statunitense ad un altro Paese non statunitense. Per rilascio (o esportazione presunta) si intende il rilascio di tecnologia o software ad una persona non statunitense negli Stati Uniti.

Riesportazione di merci statunitensi nell’ambito dell’EAR

Le aziende non possono presumere che l’esportazione autorizzata di merci dagli Stati Uniti significhi che tali merci possono essere riesportate in un Paese terzo senza ulteriori considerazioni sulle leggi statunitensi in materia di controllo delle esportazioni. Piuttosto, l’EAR richiede che l’esportazione e la riesportazione delle merci siano valutate separatamente. Le stesse condizioni di licenza si applicano alle riesportazioni e alle esportazioni, poiché le leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni regolano i prodotti originari degli Stati Uniti indipendentemente da dove si trovano.

Esempio: un’azienda svizzera ha acquistato specifici autovelox meccanici ad alta velocità da un’azienda statunitense. Il venditore statunitense ha stabilito che, mentre la telecamera in questione era soggetta all’EAR, non era richiesta alcuna licenza per l’esportazione della telecamera in Svizzera sulla base del CCL e del Commerce Country Chart, che è una tabella di ricerca nell’EAR che elenca tutti i Paesi. L’azienda svizzera prevede ora di vendere queste telecamere meccaniche ad alta velocità a un cliente in Brasile. Dal punto di vista dell’EAR ti tratterebbe di una riesportazione. Anche se non era richiesta alcuna licenza per l’esportazione iniziale in Svizzera, l’azienda svizzera avrebbe ora bisogno di una licenza della BIS per la riesportazione delle telecamere in Brasile, poiché i requisiti per l’esportazione di questo prodotto sono diversi per la Svizzera e il Brasile.

Esportazione di prodotti svizzeri con componenti o tecnologie statunitensi

L’EAR può valere anche per le imprese svizzere che producono beni che contengono componenti o tecnologie statunitensi. Per determinare se il prodotto è soggetto all’EAR, quest’ultimo fissa le soglie minime basate sul valore dei componenti o della tecnologia statunitensi incorporati in un prodotto non fabbricato negli Stati Uniti. Le regole della soglia si applicano nel caso in cui (i) un prodotto non fabbricato negli Stati Uniti “incorpora” prodotti di origine statunitense controllati o è “abbinato” ad software di origine statunitense controllato, (ii) il software non fabbricato negli Stati Uniti “incorpora” software di origine statunitense controllato, o (iii) la tecnologia non fabbricata negli Stati Uniti è unita a o ricavata da tecnologia di origine statunitense controllata. Per la maggior parte delle destinazioni e degli articoli, un prodotto o software non fabbricato negli Stati Uniti è soggetto all’EAR se il valore del contenuto di origine statunitense supera il 25% del valore totale dell’articolo finito. Per alcune destinazioni (ad esempio, Iran, Siria), la soglia minima è del 10%. L’applicazione della soglia dipende dall’ECCN del contenuto di origine controllata statunitense e dalla destinazione finale verso la quale viene esportato il prodotto non fabbricato negli Stati Uniti; regole speciali si applicano ai computer ad alte prestazioni e ai prodotti e software di crittografia. A titolo di confronto, non esiste una regola “de minimis” per gli articoli di difesa, i servizi di difesa e i relativi dati tecnici nell’ambito dell’ITAR. Non appena un singolo componente ITAR viene installato in un prodotto non statunitense, si applica l’ITAR.

Esempio: un’azienda svizzera ha acquistato da un’azienda statunitense un software progettato per il funzionamento di macchine utensili di finitura a controllo numerico. Il venditore statunitense ha stabilito che, mentre il software in questione era soggetto all’EAR, non era richiesta alcuna licenza per l’esportazione in Svizzera. La società svizzera vorrebbe utilizzare il software di origine statunitense con il proprio hardware e vendere i prodotti in bundle ad una società con sede in Ucraina (“bundle” significa che il software che viene riesportato insieme all’articolo è configurato per l’articolo ma non necessariamente integrato fisicamente nell’articolo). Se il valore del software supera il 25% del valore del prodotto in bundle, l’azienda svizzera avrebbe bisogno di una licenza del BIS per poter esportare legalmente il prodotto, poiché i requisiti per l’esportazione di questo software sono diversi per la Svizzera e l’Ucraina.

Applicazione della legge

Nel 2017, 31 persone e imprese sono state condannate e 52 casi amministrativi hanno portato a pesanti sanzioni pecuniarie. Negli ultimi anni, il governo degli Stati Uniti ha esercitato una pressione sempre maggiore sulle aziende al di fuori degli Stati Uniti per conformarsi alle leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni. A titolo di esempio, nel marzo 2017, la ZTE Corporation, una società di telecomunicazioni cinese, si è dichiarata colpevole di aver cospirato per violare le leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni inviando illegalmente articoli di origine statunitense in Iran e Corea del Nord e ha accettato di pagare al governo degli Stati Uniti una sanzione civile e penale combinata di 1,19 miliardi di dollari. Nell’aprile 2017, un cittadino cinese si è dichiarato colpevole di aver violato le leggi statunitensi in relazione a un sistema di esportazione illegale in Cina, senza licenza, in fibra di carbonio di alta qualità, utilizzata principalmente in applicazioni EAR o spaziali e militari. Nell’ottobre 2015, tre persone sono state condannate per aver cospirato per esportare illegalmente tecnologia controllata in Russia.

Alle aziende svizzere che sono coinvolte nella riesportazione di beni o tecnologie statunitensi o che utilizzano componenti o tecnologie di origine statunitense nei loro prodotti si consiglia vivamente di familiarizzarsi con le leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni e chiedere una consulenza legale.

*La parola “merce” qui è intesa non solo come “materie prime”, ma anche come “merce in generale”.

ExportHelp

Avete domande sui regolamenti di esportazione, sull’origine delle merci o sugli accordi di libero scambio? Qui potete trovare liste di controllo, FAQ e la banca dati doganale oppure contattare il nostro team di Export Help. Riceverete una risposta entro 24 ore; le ricerche inferiori a un'ora sono gratuite. Contatto ExportHelp

Se la portata della richiesta supera questo periodo di tempo, o se la vostra richiesta va oltre le nostre conoscenze, saremo lieti di mettervi in contatto con un esperto. I nostri esperti sono elencati nella “Expert Directory“, incluso l’autore di questo articolo Wuersch & Gering LLP.

Link

Di più
Condividete
How should we contact you?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale