Novità

Australia: importazione di tabacchi possibile ancora solo mediante autorizzazione

Dal 1° luglio 2019 è sostanzialmente vietata l’importazione dei principali prodotti del tabacco in Australia. Chi vuole continuare a importare tali prodotti nel Paese necessita di un’autorizzazione del ministero dell’interno australiano.

Dal 1° luglio l'importazione di tabacchi è sostanzialmente possibile solo mediante autorizzazione
Dal 1° luglio l'importazione di tabacchi è sostanzialmente possibile solo mediante autorizzazione

I seguenti prodotti del tabacco necessitano di un’autorizzazione a partire dal 1° luglio

  • Sigarette
  • Narghilè
  • Tabacco da pipa
  • Tabacco sfuso per rullare le sigarette

Come si ottiene un’autorizzazione?

Trovate informazioni sul processo di autorizzazione e sulle condizioni vigenti sul sito della guardia di frontiera australiana Australian Border Force (ABF). Attenzione: anche con l’autorizzazione per l’importazione in Australia vanno ancora versati i dazi doganali e le imposte sui tabacchi.

Quali prodotti del tabacco non necessitano di un’autorizzazione?

Dal nuovo obbligo di autorizzazione sono escluse le seguenti merci:

  • Sigari
  • Tabacco da fiuto e da masticare per il consumo orale
  • Tabacchi per i membri dell’equipaggio di navi e aerei nell’ambito di importazioni in franchigia doganale.

Contesto: lotta al mercato nero

Il contesto e lo scopo delle nuove disposizioni legali in vigore è la lotta al contrabbando di tabacchi in Australia. Negli ultimi 3 anni, la quantità dei prodotti vietati contrabbandati nel Paese si è quadruplicata.

Avete domande sui documenti all’esportazione, sull’accordo di libero scambio o sull’origine delle merci?

Qui trovate liste di controllo, FAQ, la banca dati doganale oppure contattate il nostro team di ExportHelp.

Link

Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale