Novità

Nuova normativa in Malesia: service tax sui servizi digitali importati

Ai sensi dell’attuale trattamento fiscale relativo ai servizi, i servizi imponibili prestati da fornitori in Malesia sono soggetti a una tassa di servizio. Al fine di garantire un trattamento equo nel mondo dell’industria, con effetto a partire dal 1° gennaio 2020 i servizi imponibili che le aziende in Malesia acquisiscono da fornitori di servizi stranieri rientrano nel campo dei servizi importati soggetti a tassazione. Le aziende dovranno effettuare una rendicontazione e pagare la service tax sui servizi importati soggetti a tassazione.

Regolamentazione fiscale

Con effetto a partire dal 1° gennaio 2020, la service tax sarà imposta e applicata a tutti i servizi digitali forniti da una persona straniera registrata a qualsiasi consumatore in Malesia. L’aliquota è al 6%.

Per “servizio digitale” si intende qualsiasi servizio fornito o sottoscritto tramite Internet o una rete elettronica di altro tipo che non sia possibile ottenere senza l’uso di tecnologie informatiche e la cui fornitura sia sostanzialmente automatizzata;

Per “fornitore di servizi straniero” si intende qualsiasi persona che si trovi al di fuori della Malesia e che fornisca una qualsiasi forma di servizio digitale a un consumatore. Nella definizione sono incluse una persona operante al di fuori della Malesia su una piattaforma online per l’acquisto e la vendita di beni o la fornitura dei servizi (a prescindere che fornisca o meno servizi digitali di qualche tipo) e che effettui transazioni per la fornitura di servizi digitali per conto di una persona;

Per “consumatore” si intende una persona che risponda a due dei seguenti requisiti:

  • effettua pagamenti per servizi digitali utilizzando una linea di credito o di debito fornita da un istituto finanziario o un’azienda in Malesia;
  • acquista servizi digitali utilizzando un indirizzo IP registrato in Malesia o un telefono cellulare con prefisso internazionale assegnato alla Malesia:
  • risiede in Malesia.

Nel determinare se un consumatore sia o meno residente in Malesia, la persona straniera registrata potrebbe prendere in considerazione informazioni o la dichiarazione del consumatore nel modo seguente:

  1. l’indirizzo di fatturazione del consumatore è in Malesia
  2. l’indirizzo di domicilio del consumatore è in Malesia
  3. selezione del Paese del destinatario

Tra i servizi sono inclusi i seguenti (l’elenco non è esaustivo):

  1. software, applicazioni e videogiochi (ad esempio licenze online di software, aggiornamenti e filtri ad-on per siti web, firewall, fornitura di applicazioni mobili);
  2. musica, e-book e film (ad esempio fornitura di musica, servizi di streaming live, inclusi media basati su abbonamento / membership)
  3. pubblicità e piattaforme online (ad esempio l’offerta di spazio pubblicitario online su una piattaforma multimediale immateriale, l’offerta di una piattaforma per lo scambio di prodotti e servizi)
  4. motori di ricerca e social network (ad esempio motori di ricerca personalizzati)
  5. database e hosting (ad esempio hosting di siti web, archiviazione di dati online, file sharing e servizi di storage sul cloud)
  6. telecomunicazioni basate su internet (ad esempio cloud-PABX, telefonia VoIP)
  7. training online (ad esempio didattica a distanza, e-learning, corsi online, webinar)
  8. altro (ad esempio abbonamenti a giornali e riviste online, fornitura di altri contenuti digitali come immagini, testi, informazioni e servizi di elaborazione dei pagamenti).

Il fornitore di servizi straniero che fornisce a un consumatore in Malesia servizi digitali il cui valore, per un periodo massimo di dodici mesi, superi la soglia di 500’000 ringgit (pari a poco più di 118'000 franchi svizzeri) è tenuto a registrarsi. È possibile determinare il valore di un servizio digitale per un periodo di dodici mesi sia in base al metodo storico sia in base al metodo futuro.

Il fornitore di servizi straniero tenuto a registrarsi per l’applicazione della service tax sui servizi digitali, deve fare richiesta di registrazione entro e non oltre l’ultimo giorno del mese successivo al mese in cui supera la soglia. La registrazione deve essere fatta compilando il modulo DST-01 online.

Poiché la data effettiva di imposizione della service tax sui servizi digitali è il 1° gennaio 2020, a partire dal 1° ottobre 2019 viene offerto un programma di registrazione anticipata.

La fattura o il documento che attesta la fornitura di un servizio digitale a un consumatore deve indicare:

  1. data di fatturazione;
  2. numero di registrazione della persona straniera registrata;
  3. una descrizione sufficiente a identificare i servizi digitali forniti;
  4. l’importo complessivo da versare esclusa la tassa di servizio, l’aliquota della tassa sui servizi e l’importo totale della tassa sui servizi indicate separatamente.

Dato che numerose aziende straniere non possiedono sedi in Malesia, il Governo malese ha incoraggiato le ambasciate a condividere questa informazione. Al momento non sono disponibili esenzioni. Il Governo malese ha inoltre invitato le varie aziende a contattare il Ministero delle Finanze tramite la Dogana Reale qualora desiderassero richiedere un’esenzione.

Volete saperne di più su questa nuova normativa?

Per maggiori ragguagli sulla regolamentazione e il relativo impatto sulla vostra azienda, non esitate a contattare Monica Zurfluh, Head of S-GE Southern Switzerland.

Contattare

Link

Di più
Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale