Novità

Il nuovo accordo USMCA dal punto di vista messicano

Dopo mesi di trattative, l’USMCA è entrato in vigore il 1° luglio 2020 portando un cambiamento importante. Essendo uno degli accordi commerciali più moderni al mondo, si concentra sull’attuazione degli standard internazionali e cerca di promuovere le migliori pratiche per tutti i settori industriali.

Città del Messico

L’accordo tra gli Stati Uniti d’America, il Messico e il Canada (USMCA) è un accordo di libero scambio tra i Paesi nordamericani. Piuttosto che un accordo completamente nuovo è stato definito “NAFTA 2.0”. Si tratta del risultato di una rinegoziazione del 2017-2018 da parte degli Stati membri che hanno formalmente accettato i termini a settembre 2018.

I negoziati dell’USMCA si sono concentrati su settori dell’industria manifatturiera come la produzione di veicoli e tessile e l’agricoltura. Inoltre, si sono focalizzati sulla regolamentazione delle tariffe dell’acciaio e dell’alluminio e sulle leggi sul lavoro. Questo accordo, rispetto al NAFTA, aumenta le norme ambientali e lavorative e incentiva una maggiore produzione nazionale di automobili e di altre industrie manifatturiere.

Il risultato atteso dell’USMCA è un commercio reciprocamente vantaggioso che porta a mercati più liberi, a un commercio più equo e a una robusta crescita economica in Nord America. Alcuni dei capitoli con i risultati chiave includono: proprietà intellettuale, commercio digitale, servizi finanziari e ambiente.

Al centro delle trattative: obblighi lavorativi e questioni ambientali

Il diritto del lavoro è uno dei pilastri del trattato che sancisce il pieno rispetto degli obblighi di lavoro nell’accordo commerciale. Comprende un allegato sulla rappresentanza dei lavoratori e sulla contrattazione collettiva, in base ai quali il Messico si impegna a intraprendere provvedimenti legislativi specifici per garantire l’effettivo riconoscimento delle leggi. Inoltre, include nuove disposizioni come proibire l’importazione di merci prodotte dal lavoro forzato, far fronte alla violenza contro i lavoratori che esercitano i loro diritti sul lavoro e garantire la protezione dei lavoratori migranti in base alle leggi sul lavoro.

Analogamente al capitolo sul lavoro, quello sull’ambiente comprende la serie più completa di obblighi ambientali applicabili di qualsiasi accordo precedente, compresi gli obblighi di combattere il traffico di animali selvatici, legname e pesce, di rafforzare le reti di applicazione della legge e di affrontare questioni ambientali urgenti come la qualità dell’aria e i rifiuti marini. Alcuni degli obblighi includono: nuove protezioni per le specie marine come le balene e le tartarughe marine, l’impegno a lavorare insieme per proteggere l’habitat marino, l’obbligo di migliorare l’efficacia delle ispezioni doganali dei carichi contenenti fauna e flora selvatiche nei porti d’ingresso e di adottare, mantenere e attuare i relativi obblighi nell’ambito di sette accordi ambientali multilaterali.

Nuove regole per favorire lo sviluppo della regione

Un’altra discussione sostanziale ha riguardato le nuove regole sull’origine, comprese quelle specifiche per i prodotti per i veicoli passeggeri, gli autocarri leggeri e i ricambi auto. Queste regole di origine forniranno maggiori incentivi per l’approvvigionamento di beni e materiali in Nord America. Incoraggiano la crescita economica regionale richiedendo che il 75% del contenuto dei veicoli sia prodotto in Nord America. L’accordo porterà a salari più alti, imponendo che il 40-45% di un’auto venga prodotta da lavoratori che guadagnano almeno 16 dollari all’ora e quindi, incoraggiando lo sviluppo della regione e gli investimenti da parte dell’industria automobilistica.

Più stabilità per il Messico

L’accesso al mercato e la libera circolazione delle merci sono considerati punti centrali. L’obiettivo è quello di facilitare la circolazione dei manufatti tra i tre Paesi eliminando le disposizioni che non più rilevanti, aggiornando i riferimenti chiave e confermando impegni.

Mantiene il trattamento di esenzione dai dazi doganali per i beni prodotti in Nord America; aggiunge nuove disposizioni per la trasparenza nelle procedure di importazione e di licenza di esportazione; e vincola le parti:

  1. rinunciare all’obbligo di utilizzare distributori locali per le importazioni
  2. consentire l’importazione di beni commerciali contenenti crittografia
  3. vietare le restrizioni all’importazione di merci utilizzate per la produzione.

Si prevede che l’USMCA porterà più stabilità in Messico, in quanto è la più aperta delle tre economie. I cambiamenti dovrebbero aiutare il Paese a rafforzare la sua posizione di fornitore di beni di alto livello, impegnato a rispettare standard di qualità internazionalizzati. Il governo messicano ha promosso anche altre opzioni per l’espansione del commercio, come l’apertura del commercio automobilistico con il Brasile. Considerando il potere a livello geografico, questo nuovo trattato NAFTA si è rivelato un buon passo avanti.

Il supporto per voi

Volete esplorare le vostre opportunità di business in Messico? Monica Zurfluh sarà lieta di discutere il vostro progetto di esportazione. Switzerland Global Enterprise vi offre una prima consulenza Paese gratuita, elabora analisi di mercato e della concorrenza più dettagliate e orientate alle vostre esigenze, vi fornisce supporto nella ricerca del partner commerciale giusto e vi informa sulle disposizioni di legge.

Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale