Novità

Aggiornato l’accordo di libero scambio AELS-Corea

L’allegato I dell’accordo di libero scambio tra gli Stati AELS e la Repubblica della Corea è stato aggiornato in due punti. Si allungano i termini per inoltrare una risposta alle richieste di verifica relative alla dichiarazione dell’origine, nonché vige l’obbligo di registrare le copie delle dichiarazioni d’origine e dei documenti rilevanti.
Visa su case coreane tradizionali con edifici a torre sullo sfondo.
La Corea del Sud e gli Stati AELS curano i loro rapporti commerciali.

Il termine per rispondere alle richieste di verifica delle dichiarazioni d’origine è stato prorogato passando da 10 mesi a 15 mesi. Per gli esportatori esso significa che in casi complessi di determinazione dell’origine si ha a disposizione di maggior tempo per fornire una risposta alla richiesta.

Obbligo di conservare i documenti per 5 anni

A partire dal 1° gennaio 2017, data dell’entrata in vigore, l’esportatore deve conservare per almeno 5 anni le copie stesse della dichiarazione d’origine, nonché le ricevute rilevanti. Fino all’entrata in vigore della modifica resta confermato l’obbligo di conservazione di tre anni.

Consulenza Paese Corea

Scoprite informazioni sul mercato coreano durante una consulenza Paese Corea gratuita (service public).

Documenti

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale