Novità

In che modo una start-up svizzera rivoluziona la guida autonoma con un modello commerciale unico

BestMile è una start-up svizzera di successo internazionale con la prima piattaforma che permette operazioni intelligenti e ottimizzazione della flotta dei veicoli. Il suo CEO e co-fondatore Raphael Gindrat ci ha parlato del suo modello commerciale e come quest’impresa resta competitiva nell’industria autonoma.
Vista dall’alto del grattacielo sulla strada trafficata
La guida autonoma può essere il futuro della mobilità

Mr. Gindrat, lei è il CEO di una start-up svizzera di successo. Qual è il suo modello commerciale?

La nostra principale proposta di valore consiste nel fornire una tecnologia che permetta a numerosi veicoli autonomi di lavorare insieme in modo sostenibile ed efficiente. I nostri clienti sono agenzie di transito, fornitori di taxi, ma anche campus, aeroporti, hotel o siti industriali. Un buon esempio per spiegare il nostro sistema è l’aeroporto: ogni aereo ha il suo pilota automatico che lo rende già abbastanza intelligente. Ma essendoci diversi tipi di aereo in un dato aeroporto è necessario avere una torre di controllo per sorvegliarli agevolmente.

Il nostro modello commerciale è semplice: applichiamo un importo mensile per veicolo che riusciamo ad adattare secondo il numero delle operazioni e delle caratteristiche richieste dal cliente. La nostra tecnologia e il nostro modello commerciale sono flessibili e ci permettono di rispondere ai bisogni specifici.

In qualità di start-up svizzera come si raffronta con la grande concorrenza?

Penso che riusciamo ad essere competitivi essendo indipendenti perché è importante avere un sistema come il nostro, ovvero agnostico, al fine di gestire diversi marchi di veicoli nella stessa flotta o città. Inoltre, siamo riusciti a sviluppare una conoscenza unica ed esperienza e continuiamo ad investire ampiamente nella ricerca e nello sviluppo. Infine, si tratta di una questione di velocità e di trovare i giusti partner e investitori.

Qual è la sua visione come impresa?

Vogliamo fornire la miglior tecnologia per soluzioni di trasporto con guida automatica in città intelligenti. Il nostro obiettivo consiste nell’utilizzare ampiamente il nostro sistema, dai bus ai taxi, furgoni, o addirittura a robot e nel maggior numero di città. Perciò è importante avere i giusti partner. Ad esempio, dobbiamo assicurarci che la nostra tecnologia sia compatibile con grandi produttori di veicoli.

Come affronta i nuovi mercati d’esportazione?

Uno dei nostri primi criteri è trovare Paesi che ci assistano nella diffusione di veicoli autonomi. Il quadro giuridico non è ancora in vigore, ma alcuni Paesi forniscono autorizzazioni speciali per permettere progetti pilota. La nostra tecnologia è utilizzata in Francia, Germania e presto negli USA, in Australia e in Qatar. A partire dal prossimo anno, consideriamo di essere presenti negli USA, a Singapore e molto probabilmente in Giappone. Bisogna anche considerare dove sono dislocati i vostri partner. Inoltre, ci troviamo nella posizione vantaggiosa e spesso sono le aziende a raggiungerci direttamente.

In che modo affronta le tendenze globali, dato che la crescita della popolazione e l’urbanizzazione influenzano il vostro business futuro?

Gli ingorghi, l’inquinamento e il numero crescente di incidenti costituiscono problemi di mobilità per le grandi città nel mondo. Il vero obiettivo della nostra industria è di proporre una soluzione intelligente ed efficace nei confronti di queste sfide. A lungo andare, vogliamo fornire un sistema di trasporto sostenibile, efficiente ed economico che possa trasmettere alle persone la sensazione di non dover possedere la loro auto propria. Ciò ridurrebbe ampiamente il traffico, l’inquinamento e le congestioni nella città.

In che modo fa confluire processi innovativi nella sua impresa?

In una nuova industria come la nostra la situazione è difficile perché le necessità dei nostri clienti non sono ancora chiare. I nostri processi sono perciò “iterativi”, sviluppiamo e forniamo una funzionalità, che è testabile con il cliente e adattabile a seconda della loro reazione. Dobbiamo essere flessibili, non è più possibile lavorare con una tabella di marcia di tre anni. Sappiamo che strada vogliamo percorrere con il nostro prodotto e dobbiamo prendere in considerazione i riscontri forniti dai nostri partner e clienti durante il nostro percorso.

Che cosa raccomanderebbe a PMI svizzere tradizionali, considerando la veloce digitalizzazione dei modelli commerciali, dei prodotti e dei servizi. Come riescono a tenere il ritmo?

Penso che sia importante restare aperti e positivi verso la transizione. Uno o due anni fa, i veicoli autonomi erano ancora fantascienza per molte persone. Oggi, stanno già diventando una realtà. Ciò mostra che un’industria può vivere molti cambiamenti in brevi periodi di tempo. Penso che la chiave risieda nel riconoscere ciò e trarre il meglio da tale situazione.

RAPHAEL GINDRAT

Raphael Gindrat è CEO e co-fondatore di BestMile. Ha conseguito la laurea presso l’Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne (Politecnico di Losanna) nel 2014. Ha ottenuto il titolo di master in ingegneria civile con specializzazione nel trasporto. L’expertise di Raphael deriva dal suo coinvolgimento precoce nel mondo della mobilità autonoma. Durante il suo ultimo anno di studio ha lavorato per la vice-presidenza del Politecnico di Losanna, focalizzandosi sul progetto europeo CityMobil2.

BESTMILE

BestMile sta rivoluzionando la mobilità fornendo una prima piattaforma che permette operazioni intelligenti e l’ottimizzazione delle flotte di veicoli autonomi, indipendentemente dal loro marchio o tipo. Coordina sia viaggi programmati, sia servizi su richiesta e utilizza algoritmi all’avanguardia per inviare missioni ottimizzate ai veicoli e per gestire senza interruzioni pianificazioni, invii, rotte e gestione della carica della batteria.

Ripensare i modelli commerciali

Scoprite maggiori informazioni sui nostri modelli commerciali nel nostro dossier: Rethinking Business Models!

Partecipate al Forum del commercio estero

Il 18 maggio 2017 – è un importante data per discutere del tema. “Trasformare i modelli commerciali. Il vantaggio competitivo internazionale del domani”. Iscrizione e programma.

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale