Novità

Cina: attenzione alle proposte di affari inaspettate

Il tasso di truffe commerciali segnalate dalla Cina è aumentato di nuovo negli ultimi tempi. Anche le aziende svizzere ne sono influenzati.

Società estere vittime di una serie di truffe operate da società cinesi

In passato, lo Swiss Business Hub China ha assistito a un costante aumento di aziende svizzere ed estere che sono state vittime di una serie di truffe, operate da società cinesi. I metodi utilizzati per tali truffe possono essere vari e molto perspicaci. Tuttavia, basta esserne consapevoli per evitarle facilmente.

Come funzionano le truffe?

È richiesta cautela soprattutto per richieste di forniture da parte di imprese cinesi sconosciute. Generalmente tutto ha inizio quando una società svizzera o estera viene inaspettatamente contattata da una società cinese assolutamente sconosciuta, che desidera ordinare una grande quantità di merce. La proposta commerciale sembra molto lucrativa e solitamente si concorda un pagamento anticipato del 30-40% dell’importo dovuto prima della consegna della merce e un successivo pagamento del restante 60-70%.

Inoltre, il partner svizzero generalmente viene invitato in Cina per sottoscrivere il contratto. Invece, dopo che è stato sottoscritto il contratto, che i partner esteri hanno fatto ritorno in patria e che i prodotti sono stati consegnati in Cina, l’azienda cinese non paga il restante 60-70%. A peggiorare la situazione, la società cinese sembra svanire nel nulla, diventando irreperibile.

L'esperienza dello Swiss Business Hub China dimostra che nella maggior parte dei casi non si tratta di società cinesi ufficialmente registrate, bensì di società fittizie ben camuffate. Pertanto risulta praticamente impossibile intraprendere una via legale contro una società, mai realmente esistita, al fine di recuperare le perdite finanziarie insorte.

Truffe di questo genere possono verificarsi in entrambe le direzioni, ovvero le società estere possono essere indotte a credere di effettuare acquisti legittimi di prodotti a prezzi ragionevolmente bassi. Di conseguenza, la società estera effettua ordini ingenti (per assicurarsi uno sconto maggiore) all’impresa cinese a cui sembra lecito e che è disposta a consegnare i prodotti a fronte di un deposito minimo del 20-30%. Dopo il trasferimento di denaro in Cina, non viene invece fornito alcun prodotto e la controparte cinese scompare.

Cosa fare?

Dopo aver ricevuto simili proposte commerciali sospette da società cinesi, è fondamentale ottenere le informazioni giuste sul contesto della controparte cinese. Di seguito una lista di controllo per valutare il grado di serietà dei partner cinesi:

  1. Si tratta della conclusione di un affare con un grande volume d’incarico?
  2. L’offerta è stata accettata molto velocemente e senza post-trattativa rilevante oppure senza pretese di sconto?
  3. I partner di contatto cinesi utilizzano indirizzi e-mail “Yahoo”, “Hotmail”, “Gmail” oppure altri provider gratuiti?
  4. La comunicazione con i partner cinesi di contatto si svolge prevalentemente via e-mail, fax e telefonia mobile?
  5. Siete riusciti a contattare telefonicamente il partner cinese al numero fisso da lui fornito?
  6. L’impresa dispone di una propria pagina internet?
  7. Si è discusso di dettagli tecnici e di specificazioni?
  8. Avete ricevuto informazioni sul preciso scopo di utilizzo, rispettivamente sul cliente finale per i vostri prodotti?

Se avete risposto sì alle domande 1-4 e no alle domande 5-8 si presentano gli indizi secondo i quali le intenzioni commerciali dell’impresa svizzera non possono essere considerate veritiere.

Come procedere

Se siete contattati da società cinesi a voi perfettamente sconosciute, il nostro consiglio è di non effettuare mai un pagamento anticipato alla parte cinese. Assicuratevi che tutti i documenti che avete ricevuto per “provare l’autenticità” della società siano verificati dalle autorità competenti, in quanto i falsi sono facili da riprodurre, ma difficili da riconoscere ad occhi stranieri non esperti.

Qualora la controparte cinese vi invitasse in Cina per sottoscrivere un contratto, vi suggeriamo di chiedere invece al partner cinese di venire in Svizzera. I costi derivanti dal viaggio possono essere detratti dal primo pagamento dell’ordine. L’eventuale assenza di una risposta da parte cinese è un chiaro segnale di mancanza di un interesse reale per una regolare relazione d’affari.

Hai altere domande?

Ulteriori informazioni sull'argomento sono disponibili nella scheda informativa di seguito (in inglese). Non esitate a contattare nostro S-GE Consultant Monica Zurfluh o lo Swiss Business Hub China.

Link

Di più
Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale