Novità

Cinque megatendenze globali che influenzano l’export svizzero

Cinque megatendenze globali dominano gli sviluppi nell’economia, nella società e nella politica: globalizzazione, cambiamento demografico, sostenibilità, digitalizzazione, tecnologia e mobilità. Cosa significa questo per le prospettive commerciali delle PMI esportatrici svizzere?
Una donna davanti ad un touch screen con raffigurato un scheletro.
Le mega tendenze hanno influsso anche sul business delle PMI.

1. Globalizzazione: il ceto medio nei mercati emergenti crea opportunità d’affari per le PMI nel settore dei servizi e dei beni di consumo

Sono 525 milioni le persone in Asia che fanno ormai parte del ceto medio. Entro l’anno 2040 altri 3 miliardi di persone entreranno a far parte del ceto medio. Questa crescita crea nuove opportunità d’affari nei mercati dei servizi e dei beni di consumo. Grazie alle nuove tecnologie e a internet le economie nazionali salteranno alcune fasi di sviluppo nei Paesi emergenti. Leggi e regole devono essere adattate al progresso tecnologico. In questo contesto acquistano sempre maggiore importanza la sicurezza dei dati e la tutela della sfera privata.

2. Cambiamento demografico: nei Paesi industrializzati la popolazione invecchia sempre di più

Questo ha diverse ripercussioni sulle abitudini di consumo: le persone più anziane hanno esigenze diverse in termini di viaggi, acquisti o prodotti. Fanno anche un uso diverso delle tecnologie digitali, perché si abbassa la vista, peggiora l’udito o diminuiscono le capacità motorie. Questo offre delle opportunità alle PMI esportatrici nel settore salute o medtech. Nel mercato d’esportazione giapponese ad esempio, l’invecchiamento demografico della popolazione offre opportunità concrete alle PMI svizzere nei settori della robotica o della tecnologia dei sensori, come sottolinea Stefan Barny, Senior Consultant Giappone e Corea del Sud presso S-GE.

3. Sostenibilità: le soluzioni cleantech svizzere sono richieste

Oltre al “fair business” (tutela ambientale e Corporate Social Responsibility) – vi sono grandi opportunità per l’esportazione di soluzioni cleantech svizzere. Questo riguarda tanto prodotti quotidiani quanto edifici ecologici, nanotecnologie o prodotti chimici, ma anche le energie rinnovabili o la produzione sostenibile fino allo sviluppo urbano. Aumenta molto rapidamente la domanda di prodotti naturali e di servizi forniti salvaguardando le risorse. Le soluzioni Cleantech svizzere sono particolarmente richieste in Australia, in Canada (edilizia sostenibile), in India (energia solare) o in Brasile (energia eolica).

4. Digitalizzazione e tecnologia: l’e-commerce, i Big Data, la stampa 3D creano valore aggiunto

Le applicazioni tecnologiche forniranno un grande valore aggiunto. Secondo uno studio McKinsey, soltanto internet mobile genererà entro il 2025 un volume d’affari di ben oltre 10 triliardi di dollari USA all’anno. Altrettanto vertiginose sono le previsioni riguardo al potenziale dirompente delle nuove tecnologie. E-commerce, Big Data o stampa 3D sono solo alcune delle parole d’ordine correlate alle nuove tecnologie. “A medio termine stamperemo i nostri prodotti personalizzati in casa con la stampante 3D”, affirma intervistata Karin Frick, ricercatrice futuro presso GDI. “Ma anche pezzi a tecnologia avanzata non destinati alla produzione di massa, come ad esempio pezzi di ricambio per l’astronautica. Per i subfornitori dell’industria meccanica è un argomento estremamente avvincente: saranno necessarie più macchine tessili o utensili, come ad esempio per il passaggio dal mainframe al personal computer”, aggiunge Karin Frick, e ritiene che l’innovazione tecnologica non sia però sufficiente nella concorrenza globale. “Con la sola tecnologia nessuna PMI crea valore per la clientela. Il cliente, infatti, non è interessato alla tecnologia in sé, bensì al fatto se possano essere soddisfatte le sue esigenze. La possibilità di successo è quindi molto più alta quando la tecnologia viene combinata con la proposta di valore e con il modello commerciale. Inoltre, una tecnologia è relativamente facile da copiare, mentre un modello di business no.”

5. Mobilità: domanda crescente di soluzioni di sharing e di e-mobility

Con l’aumento dei servizi di trasporto nel mondo, nascono nuove forme quali il car sharing, autovetture autonome o il car pooling. Ad esempio un programma monitora e controlla i veicoli autonomi di AutoPostale Svizzera SA nel Vallese. “Il traffico, l’inquinamento e il crescente numero di incidenti rappresentano enormi sfide per le città di tutto il mondo. Desideriamo trovare soluzioni intelligenti ed efficienti e proporre a lungo termine un sistema di trasporto sostenibile, efficace e conveniente che induca le persone a non sentire più il bisogno di possedere un’auto propria. Questo consentirebbe di ridurre drasticamente traffico, inquinamento e gli ingorghi”.

Consigli, materiale di discussione ed eventi relativi ai modelli commerciali nell’export

Nel 2017 Switzerland Global Enterprise si dedica al tema “Ripensare i modelli commerciali: il vantaggio competitivo internazionale di domani”, per sostenere, informare e mettere in rete le PMI svizzere nelle sfide più attuali degli affari internazionali. Nel nostro dossier trovate periodicamente nuovi articoli, video e studi sul tema. Per un aggiornamento mensile iscrivetevi alla nostra Export-Newsletter e riservatevi sin da oggi la giornata del 18 maggio 2017 per il Forum del commercio estero “Ripensare i modelli commerciali: il vantaggio competitivo internazionale di domani”.

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale