Novità

Dati del commercio estero di novembre 2016: diminuzione dell’import e dell’export

Nonostante il mese di novembre 2016 abbia avuto un giorno lavorativo in più rispetto all’anno precedente, il valore reale delle esportazioni è diminuito del 3,7%. Le importazioni hanno seguito lo stesso trend, scendendo del 6,1%. Le esportazioni si attestano al livello più basso da settembre 2015.
Un carello elevatore in un magazzino
Il commercio estero in diminuzione.

Stagnazione delle esportazioni

Novembre 2016 presenta un’enorme gamma di esportazioni. Mentre i veicoli e gli aeromobili hanno registrato un recesso del 23%, le esportazioni di tessuti, capi d’abbigliamento e scarpe sono cresciute del 15%. Nel settore dei prodotti chimico-farmaceutici, nonché macchine ed elettronica le esportazioni hanno registrato una stagnazione. Se i prodotti immunologici hanno registrato un +12%, tale dato è stato tuttavia sorpassato da un recesso del 16% dei principi attivi farmaceutici.

Dal punto di vista geografico, le esportazioni sono state all’insegna del meno in tutti i principali continenti, ad eccezione dell’America del Nord (+1%, Canada +29%).

Nell’import la bigiotteria e i farmaci sono responsabili per i recessi

Le importazioni sono scese di tre quarti dei gruppi di prodotti. I principali responsabili sono i settori della bigiotteria e farmaceutico, che in termini di valore hanno fatto registrare -90%.

Le categorie di prodotti in positivo sono state quelle delle automobili (+8%), dei tessuti, dell’abbigliamento e delle calzature con una crescita dell’import di 74 milioni di CHF.

Dal punto di vista geografico, la Svizzera ha acquistato più merce dall’America del Nord. Le cifre dell’import dai restanti continenti sono state negative.

Comunicato stampa dell’AFD (in FR)

Documenti

Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale