Novità

Malgrado il nuovo governo USA: restano positive le previsioni per le case automobilistiche in Messico

Il nuovo governo USA spinge affinché in futuro vengano costruiti stabilimenti automobilistici per fornire il mercato statunitense negli USA, anziché in Messico e minaccia con dazi punitivi. Ciò mette sotto pressione il settore automobilistico messicano, tuttavia la maggior parte dei produttori sembra restare salda sui propri progetti d’espansione. Le previsioni per i subfornitori svizzeri restano positive.

Le case automobilistiche in Messico non voglio farsi mettere sotto pressione dal governo USA.
Le case automobilistiche in Messico non voglio farsi mettere sotto pressione dal governo USA.

Secondo le previsioni, le vendite di auto e di veicoli commerciali leggeri in Messico, 7° principale produttore automobilistico, registreranno quest’anno una crescita inferiore al 2016. L’associazione dei venditori di automobili AMDA considera che la crescita sarà di circa il 7%, ovvero all’incirca di 1,7 milioni di unità. Lo scorso anno la crescita registrata si attestava invece al 18,6%. Tuttavia il tema dominante tra i costruttori di automobili in Messico non è costituito dalle cifre di vendita, bensì piuttosto dai richiami del Presidente USA Donald Trump a voler operare nuovi investimenti negli USA e non in Messico. L’annuncio di dazi punitivi, nonché l’ampia critica nei confronti dell’accordo nordamericano per il libero scambio NAFTA spaventano l’industria.

I produttori vogliono costruire nuovi stabilimenti

Nonostante tutto, la spinta del nuovo governo USA non sembra aver avuto un grande impatto. Ovvero Ford ha presentato i piani per un nuovo stabilimento nello Stato federale San Luis Potosí e i produttori automobilistici General Motors, Toyota, Honda, Mercedes Benz, Fiat Chrysler e BMW confermano nel frattempo i loro investimenti in Messico. In tal senso Audi ha aperto a settembre 2016 una nuova fabbrica nello stato federale Puebla e Kia poco prima aveva inaugurato un sito di produzione a Nuevo León. Attualmente, altri tre stabilimenti automobilistici sono ancora in costruzione o in fase di progettazione. Quest’anno Mercedes-Benz insieme a Nissan vuole inaugurare il nuovo sito di produzione ad Aguascalientes. Nel 2019 seguirà BMW a San Luis Potosí e Toyota a Guanajuato. Inoltre, Nissan e Toyota investiranno circa 150 milioni di dollari USA negli stabilimenti preesistenti.

Anche se le previsioni per il settore automobilistico non sono più così dinamiche, AMDA si attiene alle previsioni: nel 2020 in Messico saranno circa 5 milioni di automobili e piccoli veicoli commerciali ad essere prodotti sulla catena di montaggio. Lo scorso anno la produzione si attestava ancora a 3,5 milioni di veicoli. Il Messico non si discosta dal suo obiettivo, ovvero diventare un crocevia per il commercio mondiale di automobili.

Opportunità per i subfornitori svizzeri

Il mercato messicano offre all’industria dei subfornitori di automobili eccezionali opportunità di vendita, dato che la piazza produttiva messicana viene utilizzata maggiormente in qualità di piattaforma internazionale. Ad esempio, la nuova Audi Q5 viene prodotta a livello mondiale nel nuovo stabilimento di Puebla. In tal senso diminuisce l’importanza degli USA in qualità di mercato di vendita”, afferma Ulrich Hinterberger, consulente per il Messico e l’America latina. “È importante essere ben informati su questo mercato competitivo.”

Consulenza Paese Messico

Discutete dei vostri progetti d’esportazione in Messico fissando un appuntamento di consulenza Paese gratuito (service public), a maggio a Lugano.

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale