Novità

Food: un trampolino per i mercati di crescita asiatici

“Se si vende ad Hong Kong, si vende in Cina”. Il piccolo mercato fortemente orientato al consumo della città Stato rappresenta la porta d’ingresso non solo per la Cina, bensì per l’intera Asia.

Tale mercato presenta tendenze che vengono accolte dai produttori alimentari svizzeri, come si evince da uno studio di Switzerland Global Enterprise (S-GE), che sarà pubblicato in occasione dell’evento “S-GE Impulse: Food” del 15 settembre.

Ad Hong Kong vivono oggi 7,1 milioni di abitanti. Il loro reddito è buono, il rapporto del PIL pro capite si posiziona al 25° posto nel confronto internazionale. Si aggiungono poi gli oltre 50 milioni di turisti all’anno, 40 milioni provenienti dalla Cina. La città è considerata la vetrina dello shopping dell’intera regione e in qualità di porto libero presenta dazi particolarmente bassi.

Opportunità di vendita: le abitudini alimentari diventano più occidentali e sane

Hong Kong si colloca al centro della regione, qui il ceto medio cresce continuamente e diventa sempre più decisivo. Nei 10 principali mercati “rising middle class” le spese per i generi alimentari aumentano del 9% all’anno. I nuovi mercati emergenti acquisiscono sempre più abitudini alimentari occidentali, preferiscono sempre più carne, formaggio, latte e vino, rispetto ai piatti della tradizione.

Si osserva ovunque che i nuovi rappresentanti del ceto medio mostrano volentieri il loro benessere recentemente raggiunto. Sviluppano altresì alte esigenze nei confronti della loro quotidianità. Ciò vale anche per la sicurezza alimentare e per la salute dei prodotti. Il governo locale sostiene ciò attraverso diverse campagne. Così il mercato delle bevande gassate ha raggiunto la stagnazione negli scorsi anni e si attende addirittura una leggera recessione.

Molti abitanti di Hong Kong consumano i loro pasti al ristorante e cercano di compensare la carenza di verdure e frutta fresche attraverso bevande naturali salutari e cibi imballati, che spesso presentano un apporto calorico ridotto. I produttori svizzeri si posizionano bene, grazie alla loro fama di produttori affidabili, ecologici e naturali.

Forti tassi di crescita vengono registrati in particolare dal mercato degli alimenti per neonati e bambini. Entro il 2017, tale mercato dovrebbe salire di circa il 19% all’anno, raggiungendo circa 29 miliardi di dollari di Hong Kong. Questa domanda massiccia è meno giustificata da un alto tasso di natalità, bensì piuttosto dalla volontà di maggiore sicurezza alimentare da parte dei cinesi che si dirigono ad Hong Kong per acquistare latte in polvere, in grandi quantità per i loro figli. Gli esportatori svizzeri possono affermare la loro reputazione di affidabilità. Per motivi culturali, per quanto riguarda il marketing si consiglia tuttavia ai produttori di presentare i loro prodotti come complementari al latte materno.

In futuro, il consumo di bevande alcoliche crescerà probabilmente di circa il 6% all’anno, in particolare grazie all’aumento della domanda di vino. Hong Kong sta diventando un centro nevralgico in Asia per le bevande alcoliche in generale e in Cina in particolare, essendo Hong Kong l’unico Paese al mondo a poter importare vino a condizioni particolarmente favorevoli. Inoltre vi è la tendenza ad associare un vino specifico alle pietanze, si tratta di una strategia d’ingresso nel mercato.

Strategie d’ingresso nel mercato

I mercati più grandi puntano sugli effetti della reputazione di Hong Kong nella regione e aprono flagship store nei grandi paradisi commerciali della città Stato. Anche le piccole imprese possono beneficiare di ciò: ad Hong Kong sentono l’influsso aggiuntivo dei consumatori asiatici e fanno le prime esperienze, attraverso cui calibrano al meglio la loro strategia asiatica complessiva.

La PMI Kägi Söhne AG ha operato in questo senso e già dal 2011 è attiva ad Hong Kong con una rappresentanza locale, da dove gestisce l’intera regione che a breve termine, considera essere molto generosa. Ad esempio grazie alla cultura asiatica del regalo, a tale proposito vengono utilizzati molto volentieri prodotti occidentali dalla buona reputazione. Dal punto di vista strategico Kägi non punta, come molte imprese, su un adeguamento locale dei prodotti, bensì varia unicamente, da mercato a mercato, le dimensioni dell’imballaggio.

S-GE Impulse Food a Winterthur e Friborgo

Il Food forum di Switzerland Global Enterprise si focalizza interamente sulle opportunità di esportazione di imprese svizzere di generi alimentari e di bevande in tutto il mondo. Il 15 settembre presso il Kongresshaus Liebestrasse a Winterthur e il 16 settembre presso la Camera di commercio a Friborgo, esperti offrono prospettive esclusive e le imprese svizzere raccontano dei loro passi all’estero, dal mercato del vino cinese, alle tecnologie alimentari russe, fino al segmento premium canadese. I partecipanti ricevono, inoltre, uno studio completo sul mercato alimentare ad Hong Kong. Iscrivetevi ora: www.s-ge.com/impulsefood

I 10 principali mercati rising middle class Numero delle persone che entro il 2030 entreranno a far parte del ceto medio (in milioni)** Cina ---564 India ---170 Brasile ---73 Russia ---51 Filippine ---40 Messico ---40 Egitto ---32 Turchia ---32 Indonesia ---31 Pakistan ---22

Fonte: analisi PwC, HSBC, sulla base della definizione dell’HSBC le economie domestiche di ceto medio dispongono di redditi stabili tra i 3’000 e i 15’000 dollari statunitensi.

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale