Novità

La Svizzera semplifica il commercio con i Paesi in via di sviluppo

La Svizzera vuole semplificare il commercio con i Paesi in via di sviluppo. A tale scopo, tramite REX introduce un nuovo sistema. A partire dal 1° gennaio 2017 valgono nuove prove dell’origine.
Una nave container al porto durante le operazioni di carico e scarico.
Da gennaio 2017 è in vigore il sistema REX per il commercio con i Paesi in via di sviluppo.

La Svizzera concede preferenze doganali unilaterali per le importazioni di merci originarie dei Paesi in via di sviluppo. Chi vuole beneficiarne, deve presentare le prove dell’origine. A partire dal 1° gennaio 2017, nel commercio con i Paesi in via di sviluppo valgono nuove prove dell’origine: la dichiarazione d’origine (statement on origin, SoO) sostituisce gli odierni certificati d’origine “Form A”. Tali modifiche, avviate dall’UE e integrate dalla Svizzere e dalla Norvegia presuppongono l’introduzione del sistema degli “esportatori registrati” (registered exporters – REX).

La nuova dichiarazione dell’origine può essere emessa autonomamente dalle imprese esportatrici, a condizione che esse dispongano di una registrazione valida concessa dalle autorità competenti (numero REX). Questo numero viene fornito su richiesta e va menzionato nelle dichiarazioni d’origine. I dati REX vengono inseriti in una banca dati messa a disposizione dall’Unione europea e gestiti e scambiati dall’UE, dalla Svizzera e dalla Norvegia. L’emissione delle prove dell’origine diventa in futuro una responsabilità completa degli esportatori, le autorità sono soltanto ancora responsabili della registrazione, dell’inserimento e della gestione dei dati REX.

In che modo sono coinvolte le imprese svizzere?

Per le imprese svizzere REX ha come conseguenza che per l’importazione delle merci a tariffa preferenziale dai Paesi in via di sviluppo sarà necessario presentare in futuro le dichiarazioni d’origine. Viene introdotta una rubrica corrispondente per l’emissione del numero REX in occasione della dichiarazione in dogana. Vi sono comunque delle modifiche quando le imprese svizzere effettuano degli invii nei Paesi UE o in Norvegia, con la prova d’origine dei Paesi in via di sviluppo, che si trovano sotto controllo doganale in Svizzera. Tali rispeditori devono essere obbligatoriamente registrati nel sistema REX svizzero, proprio come i fornitori svizzeri di materiali per la produzione di prodotti originari nei Paesi in via di sviluppo. Anche per tali imprese vige l’obbligo della registrazione nel sistema REX in Svizzera a partire dal 1° gennaio.

Le direzioni delle dogane sono responsabili per la registrazione e per fornire informazioni.

Maggiori informazioni Forum D., la rivista della dogana svizzera

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale