Novità

Nuovo regolamento per prove dell’origine nell’ALS AELS-CCG

Secondo una circolare dell’Amminstrazione federale delle dogane è stato adattato il regolamento sulle prove dell’origine nell’accordo di libero scambio tra i Paesi AELS e gli Stati arabi del Golfo.

In questa circolare si consiglia alle imprese svizzere che esportano nei sei Paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (Arabia-Saudita, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Qatar, Oman e Bahrein) di inserire la voce SA a sei cifre (rubrica 8) e il numero della fattura (rubrica 10) sul certificato di circolazione delle merci. Ciò dovrebbe contribuire a facilitare l’imposizione all’importazione negli Stati arabi del Golfo.

Inoltre, l’AFD nel suo scritto dà per scontato che le autorità competenti negli Stati CCG valideranno i certificati d’origine a partire dal 1° luglio 2015, affinché in Svizzera vengano applicate imposizioni preferenziali all’importazione. Conformemente alle modifiche decise dal Comitato misto dell’accordo di libero scambio AELS-CCG, le imprese negli Stati CCG, invece del certificato di circolazione delle merci EUR.1, possono impiegare quali prove dell’origine anche certificati d’origine.

Circolare dell’Amministrazione federale delle dogane: accordo di libero scambio AELS-CCG; prove dell’origine

S-GE Impulse: Stati del Golfo, (8 settembre a Lucerna)

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale