Novità

Una PMI competitiva grazie ad una strategia per l’era digitale

Già da tempo la nostra quotidianità lavorativa è caratterizzata dall’uso del computer. E così la nostra vita privata, per lo meno da quando ci sono gli smartphone. Grazie alla possibilità di effettuare acquisti e comunicare in digitale ovunque e in qualunque momento, anche per le PMI si prospettano nuovi canali di vendita. La sfida consiste nel fare di questa possibilità una parte integrante della strategia globale. Wanja Bont gestisce il PwC Experience Center e ha un consiglio da dare alle PMI:
Un tavolo visto dall'alto con computer, smartphone e tablet.
Il business online e offline dovrebbero essere connessi tra di loro.

Signor Bont, tutti parlano delll’e-commerce. Al commercio online viene attribuito un grande potenziale in termini di promozione delle vendite e acquisizione di nuovi clienti, in particolare per le piccole e medie imprese.

Quali sono i fattori di successo dell’e-commerce?

Il principale fattore di successo dell’e-commerce, secondo noi, è la visione globale del progetto e la chiarezza della strategia. L’e-commerce va ben oltre l’implementazione di un negozio online e interessa tutti i settori di una PMI, dalle vendite al marketing, alla logistica fino al servizio clienti e all’ufficio legale. La realizzazione di queste interdipendenze e complessità in chiare misure è determinante per il successo dell’e-commerce.

In che modo una PMI deve allestire la sua strategia se vuole vendere i suoi prodotti per la prima volta attraverso un negozio online?

L’ingresso sul mercato dell’e-commerce può avvenire in vari modi. A partire da negozi rudimentali (es. tramite semplici commerce plug-in), passando per soluzioni “pronte all’uso”, fino ad arrivare a soluzioni personalizzate più complesse (ad esempio nel settore B2B con i configuratori di prodotti più complessi) utili per avviare le diverse tipologie di PMI. Anche una strategia basata su piattaforme può essere utile in questo caso. L’importante è, come si diceva prima, che l’e-commerce vada ben oltre l’implementazione di un negozio online. Questo concetto deve sempre far parte della strategia.

Quali sono i tipici errori strategici commessi dalle PMI che si affidano all’e-commerce?

Le PMI (e anche tante grandi imprese) non hanno bisogno di una “strategia digitale” o di una “strategia dell’e-commerce”, ma di una strategia per l’era digitale. Considerare l’e-commerce come un’impresa a sé stante all’interno di essa è, secondo noi, uno degli errori più diffusi. L’e-commerce, che nei prossimi anni acquisirà sempre più importanza superando in parte il commercio fisso, necessita dell’impegno di tutta l’impresa. Un altro errore tipico è la mancanza di lungimiranza nell’allestimento del negozio online. Solo attraverso una soluzione flessibile e ampliabile è possibile realizzare, all’occorrenza, nuovi canali, servizi e processi di internazionalizzazione senza un eccessivo riadattamento del negozio.

Come PMI, qual è il vantaggio di collegarsi ai grandi portali online quali Amazon o Alibaba? Ci sono anche degli svantaggi?

Perseguire una strategia basata su sistemi ecologici o piattaforme può essere utile per molte PMI. In questo modo, da un lato, vengono migliorate notevolmente la portata e la reperibilità dell’offerta e dall’altro si ha la possibilità di utilizzare anche i servizi offerti dalla piattaforma (quali ad es. i servizi di spedizione di Amazon). Naturalmente l’utilizzo di questi portali e servizi ha un costo (quote fisse e margini) e si deve competere con altri fornitori presenti sulla stessa piattaforma.

Quali sono i problemi più frequenti che le PMI devono affrontare nella vendita dei propri prodotti per la prima volta su Internet?

La consegna, la gestione dei pagamenti e i resi sono senza dubbio le tre sfide più frequenti. A livello operativo e di processo, anche il servizio clienti e il coordinamento dei canali offline e online rappresentano una sfida e lo stesso si può dire in merito alla sicurezza dei dati (cybersecurity) e all’analisi di milioni di osservazioni. A livello strategico si presenta sempre il problema di come soddisfare le esigenze dei clienti in continuo mutamento e di come creare un’esperienza per il cliente che sia convincente sia online che offline e che si distingua dalla concorrenza.

Training per le PMI: l’e-commerce e il marketing online insieme a Google Svizzera

Assicuratevi uno degli ultimi posti rimasti per l’evento: Export Digital, in collaborazione con Google Svizzera e PwC. Usufruite dell’opportunità di scambio offerta con PMI ed esperti digitali di Google, PwC e Netcomm Suisse sulle strategie online-Strategie:

In qualità di affiliati S-GE beneficiate dell’esclusivo invito a pranzo con il CEO di Zimmerli of Switzerland (Basilea) e Gregor Doser, Industry Leader di Google Svizzera (Losanna).

Wanja Bont

Con il suo background da consulente aziendale e la sua esperienza di gestione diretta nell’ambito della trasformazione digitale, Wanja Bont gestisce oggi il PwC Experience Center di Zurigo. Insieme ai clienti e a un team interdisciplinare accompagna le imprese nel loro percorso di trasformazione digitale, dall’allestimento della strategia alla sua attuazione.

PwC Digital Services

Reimagine Business in the Digital Age. PwC Digital Services accompagna la vostra impresa nel percorso di trasformazione digitale, dall’analisi all’allestimento della strategia fino alla sua attuazione. Facendo ciò lavoriamo sempre con un chiaro obiettivo: creare valori duraturi per il vostro futuro digitale.

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale