Novità

USA: Trump influenzerà l’export svizzero?

Una cosa si può certo dire: il TTIP discriminerebbe enormemente le PMI svizzere. Con l’elezione di Donald Trump questo problema sembra essere prorogato a lungo termine. La Svizzera guadagna ancora tempo per ripensare i rapporti con gli USA.
Skyline di New York.
In che modo si procederà con il TTIP e con il commercio tra gli USA e la Svizzera?

Lo spettro del TTIP molto probabilmente, per il momento, non sarà realizzato, tuttavia bisognerà comunque tenere in considerazione la ripresa delle trattative, con probabili ritardi di anni. È quanto afferma Martin Naville, CEO della Swiss-American Chamber of Commerce. “Tentare di prevedere che cosa potrebbe significare la Presidenza Trump per l’export svizzero e per il commercio mondiale, significa cercare di predire il futuro.” Attualmente non è possibile ottenere previsioni concrete da nessun esperto, neppure dopo la pubblicazione del programma di Trump relativo ai suoi primi 100 giorni.

Accordi plurilaterali definiscono il commercio mondiale del domani

“Dato che nell’ambito dell’OMC non è stato possibile portare avanti l’eliminazione degli ostacoli commerciali in questa misura, come auspicato, gli accordi plurilaterali hanno nuovamente acquisito importanza. Già da 50, 60 anni a questa parte gli USA contribuiscono ampiamente a definire l’ordinamento del commercio mondiale, ecco perché un passo indietro sarebbe piuttosto insolito”, afferma Markus Schlagenhof, capo del campo di prestazioni Commercio mondiale della Segreteria di Stato dell’economia SECO.

Un accordo come il TTIP non sarebbe fondamentalmente chiuso nei confronti della Svizzera. I responsabili delle trattative hanno pensato ad una clausola di adesione, che per esempio permetterebbe all’AELS o al Regno Unito di aderire successivamente all’accordo. Tuttavia vale il motto “prendere o lasciare”. Non sarà possibile forgiare la bozza del contratto secondo il proprio gusto.

Non ci resta che attendere per conoscere come Trump affronterà le trattative del TTIP. Gli USA restano primariamente uno dei più importanti partner commerciali della Svizzera, come anche si evince dalle prospettive di export delle PMI.

Nel nostro studio trovate maggiori informazioni sul potenziale di discriminazione del TTIP per le imprese svizzere.

Intervista completa a Martin Naville (in EN):

Intervista a Markus Schlagenhof, capo del campo di prestazioni Commercio mondiale della Segreteria di Stato dell’economia (in DE):

Consulenza Paese USA e Canada (6-8 febbraio 2017, a Zurigo)

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale