Novità

Nuove regole per bandi del governo in India

Nel contesto della crisi legata al COVID-19 il Governo dell’India ha introdotto diverse misure per dare un impulso alla produzione locale e per proteggere le micro, piccole e medie imprese MPMI dalla concorrenza estera. Inoltre, il governo dell’India ha dimostrato esplicitamente che le sue politiche e misure sul commercio future si focalizzeranno sulla nuova politica dell’India indipendente (Aatma Nirbhar).

stazione centrale a Mumbai

In linea con ciò, il governo ha introdotto cambiamenti alle regole finanziarie generali 2017 dove i bandi globali non saranno consentiti negli appalti pubblici fino a INR 200 rupie (equivalente di CHF 26 milioni). Questa soglia era stata precedentemente fissata a INR 50 laskhs (CHF 36’000). Il Dipartimento per la promozione del commercio industriale e interna (DPIIT) ha modificato il suo ordine di appalti pubblici del 2017, dando la priorità a offerenti di contratti governativi che utilizzano maggiori “contenuti locali”, coloro che promuovono l’iniziativa del governo “Make in India”.

Qual è il contenuto locale?

Il contenuto locale è definito in qualità di importo di valore aggiunto in India, che dovrebbe corrispondere al valore totale dell’articolo prelevato (escluse tasse nazionali indirette), meno il valore del contenuto importato nell’articolo (inclusi tutti i dazi doganali), come una proporzione del valore totale in percentuale.

I fornitori di beni e servizi per il governo centrale sono stati suddivisi in tre categorie:

  • Fornitori con più del 50% del contenuto locale sono classificati come fornitori di classe 1, pari alla categoria più elevata nell’ordine di preferenza.
  • Fornitori con un contenuto locale tra il 20 e 50% sono classificati come fornitori di classe 2.
  • Fornitori con meno del 20% del contenuto locale sono stati definiti fornitori non locali.

In che modo i fornitori possono formulare un’offerta?

Secondo le nuove regole, soltanto i fornitori di classe 1 saranno autorizzati a formulare un’offerta per contratti legati a bandi d’ingegneria ed edili, i quali sono utilizzati ampiamente nel settore dell’infrastruttura nonché nei servizi di integrazione del sistema come le operazioni e la gestione, nei sondaggi e nei contratti di manutenzione annuale, ecc.

Inoltre, la comunicazione ha menzionato che nei casi eccezionali in cui i ministri o i dipartimenti hanno avuto bisogno di introdurre bandi per quantità al di sotto della soglia, hanno chiesto l’approvazione del segretariato del governo, che opera direttamente sotto il Primo Ministro.

Che cosa significa ciò per le PMI svizzere e del Liechtenstein?

Non avendo l’India aderito all’Accordo sugli appalti pubblici (GPA) dell’OMC, ha perfettamente il diritto di imporre queste nuove misure. La sua motivazione è incoraggiare le aziende estere a produrre e ad approvvigionarsi localmente. Di conseguenza, le aziende svizzere che desiderano commercializzare le loro soluzioni in India dovranno valutare partenariati locali, collaborazioni con aziende che lavorano a contratto e altri modelli di business. Con il suo obiettivo ambizioso di diventare un’economia del valore di 5 trilioni di dollari entro il 2025, il Paese stima di spendere 1.4 trilioni di dollari soltanto nell’infrastruttura che include, tra le altre cose, lo sviluppo di 100 nuovi aeroporti operativi e 100 smart cities nei prossimi cinque anni. Le PMI svizzere con la loro competenza nelle tecnologie di nicchia, la produzione avanzata, le tecnologie di precisione e l’energia pulita sarebbero partener ideali per le aziende indiane che partecipano a tali progetti.

Volete maggiori informazioni

Per ulteriori informazioni e supporto contattate:

Monica Zurfluh
Head of S-GE Southern Switzerland  
mzurfluh@s-ge.com
Diretto +41 91 601 86 85Immagine rimossa.Immagine rimossa.Immagine rimossa.

Switzerland Global Enterprise 
Corso Elevezia 16 – CH-6901 Lugano 
www.s-ge.com

Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale