Export Knowhow

Aspetti legali chiave nell’e-commerce transfrontaliero

L’e-commerce è ormai diventato un canale di distribuzione irrinunciabile per le PMI svizzere. Internet offre alle aziende la possibilità di rivolgersi agli utenti di tutto il mondo con un unico sito web. Tuttavia il rivenditore online, non appena desidera rivolgersi anche a clienti al di fuori del mercato nazionale, deve confrontarsi con aspetti legali chiave. Scoprite qui quali sono!

E-Commerce Recht Schluesselfragen

1.    Il vostro sito web si rivolge anche a clienti esteri?

Un sito web può rivolgersi direttamente o indirettamente a clienti esteri. Solitamente ciò significa che è necessario rispettare anche le direttive degli orientamenti giuridici esteri. È decisivo se agli effetti di legge è presente un “orientamento” a determinati clienti. Oltre alle indicazioni evidenti, come ad esempio la specifica di determinati Paesi fornitori, i seguenti criteri, singolarmente o perlomeno combinati, anche a un tale orientamento, richiamano l’attenzione verso i clienti esteri. Ne citiamo alcuni a titolo d’esempio: 

  1. pubblicazione di annunci nei motori di ricerca per facilitare l’accesso al sito web da parte dei consumatori esteri
  2. carattere internazionale dell’attività (ad es. turismo)
  3. indicazione del numero di telefono con prefisso internazionale
  4. utilizzo di un dominio di primo livello diverso da .ch, neutro (.com) o specifico per il Paese (.de)
  5. descrizioni di tragitti per raggiungere la sede del servizio da più Paesi
  6. accenno al segmento di clientela internazionale, in particolare attraverso la riproduzione delle valutazioni dei clienti
  7. possibilità di selezionare un’altra lingua. 

Consiglio: una versione in lingua inglese del sito web, senza ulteriori indicazioni di orientamento internazionale, non comporta di per sé l’applicazione delle leggi del Regno Unito. Tuttavia, i tribunali sono molto rapidi ad ipotizzare un orientamento. Se le consegne all’estero non sono esplicitamente e chiaramente escluse, i fornitori nelle aree di lingua tedesca devono quindi effettuare almeno una verifica secondo il diritto europeo o perlomeno sulla base di quello tedesco. 

2.    Vendete a clienti commerciali o a clientela privata?

L’esplicita differenziazione delle offerte per i clienti commerciali da quelle per la clientela privata è consigliabile quando si esporta verso i Paesi UE. Questo perché nelle transazioni commerciali tra aziende (B2B) è fondamentalmente data più libertà nella configurazione dei contratti e, in determinate circostanze, sussistono un po’ meno spese in termini di IVA, in quanto questa viene conteggiata dagli acquirenti commerciali nel Paese di destinazione.

Consiglio: se si desidera escludere la consegna ad acquirenti privati, si raccomanda di 
annotare chiaramente che la vostra offerta è riservata esclusivamente a clienti commerciali. In mancanza di tale nota, si possono tuttavia applicare le disposizioni (più severe) per il traffico B2C. 

3.    La zona di consegna all’estero è definita in modo chiaro?

Diversamente dal traffico B2B, è importante notare che per le consegne all’estero a clienti privati si applica regolarmente il diritto contrattuale del Paese in cui il cliente è domiciliato. Tale diritto non può pertanto venir definito contrattualmente, ad esempio nelle CGA. Non appena si desidera pubblicizzare e offrire prodotti e servizi direttamente o indirettamente a livello internazionale, è quindi necessario adattare il proprio sito web alle rispettive regolamentazioni nazionali. È opportuno limitare la zona di consegna ai Paesi per i quali avete verificato le norme e che siete in grado di rispettare.

Consiglio: una certificazione della presenza online o del negozio online secondo la legislazione nazionale può essere eseguita da fornitori specializzati a costi sostenibili (ad es. Trusted Shops). Per questioni più complesse, vale la pena ottenere una valutazione legale individuale da un avvocato specializzato. 

4.    Quali informazioni devono essere messe a disposizione del cliente?

Anche nel commercio online con l’estero devono essere fornite ai clienti le informazioni seguenti:

  1. Impressum (indicazioni sul fornitore, incl. indirizzo e-mail)
  2. protezione dati (informazioni sul trattamento dei dati, incl. lo scopo )
  3. informazioni sui prodotti (indicazione delle caratteristiche essenziali della merce)
  4. indicazioni dei prezzi (incl. le informazioni sulle spese di spedizione)
  5. informazioni sulla consegna e sulla garanzia di buona esecuzione (in particolare luogo e tempo di consegna)
  6. modalità di pagamento
  7. diritto di revoca (incl. le modalità di esercizio e le eccezioni)
  8. fasi dell’ordine (descrizione delle singole fasi fino alla stipulazione del contratto
  9. conferma d’ordine (incl. tutti gli elementi fondamentali dell’ordine) 

Consiglio: per adempiere agli obblighi d’informazione, spesso non è sufficiente che le informazioni richieste siano contenute solo nelle CGA. Quindi, è necessario fornire ai clienti anche pagine informative supplementari. Riportate le informazioni non solo sul sito web, ma anche al momento dell’ordine via e-mail, per telefono o fax.

5.    GDPR: quali principi si applicano e quali sono le conseguenze più importanti?

È noto che il Regolamento sulla protezione dati (GDPR) è in vigore nell’UE dal maggio 2018. Ciò ha comportato numerosi requisiti nuovi o più rigorosi, che sono associati a un elevato sforzo di conformità per le aziende. Sono interessate anche le aziende svizzere, e questo vale anche quando non dispongono di una filiale nell’UE o nello SEE. Ad esempio, il GDPR si applica già quando le merci o i servizi vengono offerti a persone nell’UE o nello SEE. Secondo il GDPR, qualsiasi trattamento di dati personali è vietato in linea di principio ed è pertanto consentito solo se viene fornita la cosiddetta “autorizzazione” (ad es. un consenso). Inoltre, anche l’informazione alle persone interessate è soggetta a direttive rigorose e a queste vengono applicati ampi diritti (ad es. di informazione, cancellazione od opposizione). La violazione di queste direttive può comportare sanzioni pecuniarie di fino 20 milioni di EUR o al massimo pari al 4% del fatturato totale annuo mondiale, a seconda di quale sia il valore più elevato.

Consiglio: verificate attentamente se i vostri processi operativi e il trattamento dei dati sono conformi alle direttive del GDPR. Inoltre, molte direttive saranno riprese nella nuova Legge svizzera sulla protezione dati. 

6.    A quali diverse disposizioni occorre prestare particolare attenzione?

Com’è noto, la Svizzera non è un membro dell’Unione europea né dello Spazio economico europeo (SEE), per cui anche il diritto svizzero nell’ambito dell’e-commerce, in alcuni casi, si discosta notevolmente dalle direttive del diritto UE. Anche se in Svizzera esistono molte direttive simili, vi sono differenze sostanziali, perlomeno nel dettaglio delle questioni. Ciò vale anche all’interno degli Stati membri dell’UE e dello SEE. Questo rende le differenze ancora maggiori rispetto ai Paesi al di fuori dell’Unione europea. Per questo motivo nell’e-commerce transfrontaliero è necessario verificare sempre tutte le direttive locali. Gli argomenti principali sono ad esempio:

  1. indicazione dei prezzi ad es. inclusione e/o indicazione trasparente di tutti i costi aggiuntivi, valuta estera o locale, disposizioni sul confronto dei prezzi o pubblicità con riduzioni di prezzo)
  2. descrizioni dei prodotti (in particolare il rispetto delle locali disposizioni specifiche del prodotto, ad es. avvertenze o informazioni sullo smaltimento)
  3. obblighi di registrazione (ad es. per la raccolta di dati o la distribuzione di determinati prodotti)
  4. diritto di recesso (cfr. anche sotto)

Consiglio: non iniziare la fornitura a clienti esteri finché non vi è garanzia della conformità alle disposizioni nazionali. In caso contrario, si rischiano costosi procedimenti dinanzi ai tribunali e alle autorità di vigilanza estere. 

7.    Vi sono altri obblighi di revoca e di rimborso all’estero?

Contrariamente alla Svizzera, i consumatori di tutti gli Stati membri dell’UE hanno il diritto di recesso e ai relativi obblighi d’informazione al momento della stipula online. Se la vostra presenza online è rivolta a uno Stato membro dell’UE, ai clienti di questo Paese, dovete concedere contrattualmente un termine di almeno 14 giorni per revocare il contratto. Pertanto, devono essere in atto processi operativi che consentano effettivamente il riscatto della merce e il sito web deve essere ideato secondo le rispettive direttive formali. A tal fine si possono ottenere istruzioni da fornitori specializzati (ad es. Trusted Shops) e, in casi più complessi, da avvocati specialisti.


Meyerlustenberger Lachenal SA
Nell’e-commerce ci avvaliamo del know-how di esperti in settori scelti. Lukas Bühlmann, LL.M., è partner dello studio legale di fama internazionale Meyerlustenberger Lachenal AG. Michael Schüepp è associato nel team di Lukas Bühlmann.

Supporto all’internazionalizzazione

Volete crescere al di fuori della Svizzera? Switzerland Global Enterprise vi fornisce supporto mediante informazioni concrete, una consulenza competente e una rete di esperti globale. Contattate la nostra consulente, Alexandra Schiller per ricevere consigli sul tema dell’e-commerce e dell’internazionalizzazione.

Contatto
Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale