Novità

B2C E-commerce Index: la Svizzera si classifica seconda al mondo

Il B2C E-commerce Index, pubblicato dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD), valuta la capacità di un paese di supportare l’e-commerce business-to-consumer. Nell’edizione del 2017 la Svizzera si posiziona al secondo posto, subito dopo il Lussemburgo (1°) e seguita dalla Norvegia (3°).

Donna che utilizza la carta di credito di fronte al tablet
Secondo l’indice del 2017, l’89 percento della popolazione svizzera utilizza Internet e il 98 percento ha un conto finanziario.

Il B2C Ecommerce Index dell’UNCTAD esamina una transazione di shopping online B2C e i processi attinenti. Per vendere prodotti online, il venditore necessità di una presenza nel web e deve essere in grado di accettare gli ordini online. Infatti per effettuare un ordine, è necessario un accesso Internet cliente. Deve essere presente una possibilità per scambiare denaro con beni sotto forma di carta di credito, portafoglio elettronico, sistema di pagamento mobile, bonifico bancario o pagamento alla consegna (conto finanziario) e sono necessarie strutture per fornire il prodotto al cliente. L’indice riflette il numero di persone che utilizzano Internet, il numero di persone che possiedono una qualche forma di conto finanziario, server Internet sicuri per un milione di persone e il punteggio di affidabilità postale dell’UPUI.

La Svizzera dispone dei server Internet più sicuri

Secondo l’indice del 2017, l’89 percento della popolazione svizzera utilizza Internet e il 98 percento ha un conto finanziario. La Svizzera è in prima posizione per quanto riguarda il numero di server Internet sicuri e l'affidabilità del servizio postale. Il piccolo paese offre 100 server Internet sicuri per un milione di persone e il punteggio di affidabilità postale UPU è del 99 %.

Negli ultimi anni il volume dei dati ha registrato un aumento esponenziale. Le grandi quantità di dati devono essere archiviate in ubicazioni sicure e protette. In quanto paese innovativo, la Svizzera ha costruito già da molto tempo un’infrastruttura eccellente per le transazioni online. Insieme alla sua stabilità economica e politica, a risorse umane ben formate, a una protezione specifica sia contro le minacce fisiche sia contro gli attacchi informatici, la Svizzera è un paese ideale per allestire ubicazioni per l'archiviazione di dati sensibili. Nell’Europa occidentale il paese elvetico si colloca al 5° posto per numero di data center (mappa dei data center 2017).

Data center forti

Negli ultimi anni, l’area utilizzata per i data center in Svizzera è cresciuta di un consistente 10-15 %. Fino ad ora la superficie dei 73 data center commerciali ammonta a 180’000 metri quadrati, il che corrisponde a più di 23 campi di calcio. I data center sono gestiti e utilizzati da un gran numero di società e distribuiti in tutto il paese. Con il Data Center Infrastructure Panel di asut, la Svizzera vanta un centro di eccellenza nazionale. asut si concentra sulla configurazione della trasformazione digitale in Svizzera e sulla messa a disposizione di un contesto politico, legale ed economico ideale per l’intero settore digitale.

Per saperne di più su ICT e sui data center in Svizzera, scaricate il nostro factsheet.

Link

Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale