Novità

Indicatore export delle PMI 4° trimestre 2015: cauta speranza

Dopo il minimo storico del trimestre precedente, la fiducia delle PMI esportatrici è leggermente migliorata. L’indicatore delle prospettive dell’export di Switzerland Global Enterprise (S-GE) è tornato ad essere appena al di sopra della soglia di crescita. Nel sondaggio di S-GE, le PMI affermano di volersi spingere maggiormente in direzione di nuovi interessanti mercati d’esportazione. Il barometro delle esportazioni del Credit Suisse presenta una domanda estera solida. L’attuale situazione legata al cambio, ora meno tesa, permette alle imprese svizzere di beneficiare maggiormente di tali impulsi alla domanda rispetto ai primi tre trimestri di quest’anno.

KMU-Exportindikator 4. Quartal 2015: Vorsichtige Hoffnung

Bettina Rutschi, Senior Economist al Credit Suisse afferma: “la domanda rafforzata di prodotti svizzeri proviene attualmente soprattutto dalla zona euro, dalla Gran Bretagna e dagli USA. Inoltre, si delinea una certa distensione nella situazione legata al tasso di cambio. Se il franco svizzero nel corso dell’anno aveva temporaneamente raggiunto la parità con l’euro, nel frattempo il cambio oscilla intorno al valore di CHF 1.10 per euro. In considerazione della lenta congiuntura e delle diminuzioni dei prezzi su un ampio fronte, a nostro avviso, la Banca nazionale svizzera (BNS) acquista attualmente valute estere con regolarità al fine di indebolire il franco. I volumi restano tuttavia bassi”.

Secondo Alberto Silini, responsabile Consulenza di Switzerland Global Enterprise: “le PMI svizzere entrano nell’ultimo trime-stre del 2015 con una cauta speranza. In tal senso, un miglior tasso di cambio franco-euro dovrebbe costituire un aspetto rilevante. Nei prossimi mesi si potrà dire se ciò rappresenta un vero e proprio cambiamento di tendenza per gli esportatori. La pressione sui costi e sui margini resta elevata. Allo stesso tempo, tra i punti all’ordine del giorno, acquisisce sempre più importanza la ricerca di nuovi e lucrativi mercati d’esportazione. Si entra così in un’ottica a lungo termine che permette un miglior equilibrio dei rischi legati alla valuta e alla congiuntura. La diversificazione è il miglior modo per gestire le crisi”.

Trovate tutti i dettagli sull’indicatore dell’export delle PMI nella brochure qui .

Maggiori informazioni nell’intervista video con Bettina Rutschi e Alberto Silini:

L’indicatore dell’export per il primo trimestre 2016 verrà inviato il 19 gennaio 2016.

Documenti

Link

Di più
Condividete

Vi possono interessare anche

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale