Competenza

Logistica: sfide attuali per le PMI attive a livello internazionale

È necessaria una strategia globale per determinare in quali mercati di vendita si vuole operare, quali condizioni esistono nel mercato di vendita per quanto riguarda gli accordi di libero scambio e come questi punti possono essere influenzati dagli acquisti e dalla produzione. Cosa significa questo per le PMI svizzere?

logistica

Le PMI attive a livello internazionale sono sempre state esposte a determinate incertezze e rischi. Negli ultimi anni i mercati sono diventati costantemente più imprevedibili e volatili e, dalla crisi legata al coronavirus, l’incertezza è diventata la nuova norma. Per le PMI attive a livello internazionale gli aspetti da tenere in considerazione sono quindi sempre maggiori.

Abbiamo posto alcune domande a colloquio con Stefan Schibli, Teamleader Supply Chain Management di SFC KOENIG AG. Quali consigli può fornire come esperto dello studio?

Quali sono le sfide che state compiendo e come le gestite?

Attualmente ci preoccupano le incertezze dei mercati di vendita e la volatilità degli ordini. Il coordinamento dell’intera catena di approvvigionamento rappresenta un compito da titani. Il coordinamento dei volumi con i fornitori richiede un contatto molto stretto per evitare un eccesso o un deficit di scorte. Molti dei nostri fornitori lavorano a orario ridotto, il che significa che la disponibilità non è sempre garantita. La maggior parte dei fornitori di SFC KOENIG AG si trova in Svizzera o nei pressi del confine, quindi la situazione del trasporto merci non è altrettanto critica. Altri problemi sono causati dall’attuale fornitura delle nostre filiali in Cina e negli USA. Soprattutto per gli USA la fornitura di capacità di trasporto in aereo è ancora molto limitata. Ciò significa che dobbiamo considerare più tempo nella pianificazione del trasporto aereo. All’inizio della pandemia Covid-19, abbiamo avuto anche un caso in cui la spedizione è rimasta bloccata a Zurigo.

Quali criteri utilizzate per selezionare i vostri partner logistici e qual è per voi un buon partenariato con un’azienda di trasporti?

Cerchiamo di ottenere un buon mix tra prezzo e servizio. Dove possibile, ci impegniamo a favore di partenariati di cui possano beneficiare tutte le aziende di SFC KOENIG AG. Le persone di contatto permanenti presso i partner logistici sono molto importanti per i nostri collaboratori e facilitano il contatto.

Dove si può risparmiare tempo e denaro nell’elaborazione di affari internazionali?

Il ricorso agli accordi di libero scambio è per noi essenziale, soprattutto perché l’UE e la Cina sono tra i nostri maggiori mercati.

Lo stato di Esportatore Autorizzato ci aiuta a ridurre gli oneri amministrativi. Ciò significa anche, tuttavia, che il know-how interno dell’azienda in materia di numeri di tariffa doganale, origine delle merci e conformità all’esportazione deve essere costruito e continuamente sviluppato. La pandemia di Covid-19 ci ha anche costretti a cambiare marcia e rivolgerci maggiormente alla digitalizzazione, il che significa che ora facciamo quasi a meno della carta.

In caso di danni di trasporto, collaboriamo con i nostri clienti e partner logistici per definire misure di riparazione adeguate al fine di prevenire danni futuri.

Quali sono i temi che le aziende che si affacciano sul mercato internazionale dovrebbero trattare in una fase iniziale e perché?

Il primo passo è quello di sviluppare una comprensione di base comune della conformità. I temi dell’origine delle merci, dei numeri di tariffa doganale, dell’importazione e dell’esportazione non riguardano solo l’acquisto o l’esportazione. La direzione deve dare il buon esempio e portare avanti queste tematiche.

È necessaria una strategia globale per determinare su quali mercati di vendita si vuole lavorare, quali condizioni esistono nel mercato di vendita per quanto riguarda gli accordi di libero scambio e come questi punti possono essere influenzati dagli acquisti e dalla produzione.

Inoltre, è necessaria una considerazione dei costi totali dall’approvvigionamento alla consegna al cliente. Obiettivi opposti possono avere un effetto negativo sui costi totali. L’acquisto al prezzo più basso possibile può anche portare ad un aumento dei dazi doganali a carico del cliente e alla distruzione di un possibile argomento di vendita.

Il mondo sta cambiando. Vi sono delle tipiche lacune nelle conoscenze tra acquirenti e manager della catena di fornitura o gestione che pensate possano essere colmate in modo relativamente facile?

Purtroppo, la maggior parte dei corsi di formazione non fornisce le conoscenze di base del commercio estero e delle dogane. Questa lacuna può essere colmata facilmente con corsi di formazione interni. L’obiettivo principale dovrebbe essere quello di aumentare la consapevolezza dei possibili rischi che esistono se non si rispettano le linee guida in questo settore. Inoltre, le modifiche a queste linee guida devono essere regolarmente registrate e devono essere tenuti corsi di aggiornamento.

Stefan Schibli

Stefan Schibli Team Leader Gestione della catena di fornitura presso SFC KOENIG AG.

Dopo la formazione come meccanico di macchine, ha trascorso i primi anni di lavoro nell’assemblaggio e nella produzione. La formazione come tecnico HF nei processi aziendali, i diplomi post-laurea come direttore generale NDS FH e business coach HF e la formazione di quest’anno come Custom and Trade Professional presso procure.ch gli hanno permesso di assumere diverse attività tecniche e gestionali lungo tutta la catena di fornitura

 

Simposio export/import: in palio due biglietti

Varcare le frontiere senza difficoltà è l’obiettivo del commercio internazionale di merci. Anche il simposio di quest’anno “Export/Import” segue questo motto, accompagnando il pubblico in un viaggio in luoghi vivaci del commercio transfrontaliero.

Condividete
Come vi possiamo contattare?

Premium Partner

Partner strategici

Partner istituzionale

Programma ufficiale